Fabrizio Corona a Mattino5: i ragazzi mi prendano come esempio

Fabrizio Corona a Mattino5: i ragazzi mi prendano come esempio

"I ragazzi dovrebbero prendermi come esempio" lo ha detto Fabrizio Corona in una intervista a Mattino Cinque, programma di canale 5 condotto da Federica Panicucci

    Fabrizio Corona a Mattino Cinque

    Questa sì che è bella! Fabrizio Corona, ospite questa mattina di Federica Panicucci nel salotto di Mattino Cinque, ha invitato in diretta tv i ragazzi a prendere esempio da lui! L’ex re dei paparazzi sa sempre come stupirci e forse non smetterà mai di farlo ma questa sua uscita ha davvero dell’incredibile. Ma come si fa a voler prendere esempio da uno come Corona, sulla cui testa (calda) pendono una serie di processi per i reati più diversi, dall’estorsione al ricatto all’associazione a delinquere e via dicendo, che si è fatto un paio di mesi di carcere, senza contare che se venissero confermate tutte le sue condanne potrebbe tornare ancora dietro le sbarre!

    Insomma nonostante tutti i suoi guai con legge (Vallettopoli in primis) Fabrizio Corona ha il coraggio (perché ci vuole coraggio!) di proporsi come modello per i giovani. Durante la sua ospitata a Mattino Cinque, il contenitore mattutino condotto da Federica Panicucci su Canale 5, l’ex agente dei paparazzi che sogna di diventare editore di un suo giornale ha dichiarato:

    L’esempio che do io è quello di impegnarsi a lavoro perché io, a differenza di tanti giovani italiani che non sono figli di papà, anziché uscire tutta la vita e pensare a divertirmi, a venticinque anni ho smesso di vivere e ho lavorato venti ore al giorno per creare quella che era la mia società e il mio futuro”.

    E sappiamo com’è finita: la sua agenzia fotografica Corona’s è stata dichiarata fallita per bancarotta fraudolenta e lui è imputato nel processo su Vallettopoli, per non parlare poi delle sue numerose “bravate” al volante (comprese le guide senza patente), degli “incontri ravvicinati” con le forze dell’ordine etc. etc. (giusto qualche esempio della fedina penale che può vantare).

    Forse dimentico momentaneamente di tutto ciò il fidanzato (futuro sposo) di Belen Rodriguez ha continuato spiegando di essere “uno che veramente si è tolto la vita che per cinque o sei anni lavorava venti ore al giorno rifiutando di andare a giocare a pallone, rifiutando di andare al cinema, rifiutando di andare in discoteca, ho pensato soltanto a costruire, a lavorare e a rimboccarmi le maniche.

    Quindi se devono prendere un esempio i giovani che prendano questo esempio”.

    Noi siamo senza parole, perciò lasciamo a voi i commenti ma prima vi riportiamo le dichiarazioni di Corona sui suoi guai con la giustizia: “La legge italiana non funziona. Non possono darmi dodici anni per estorsione vera o presunta, quando per un omicidio, il reato più grave esistente al mondo, ne vengono dati anche meno“. E in conclusione ha detto che ormai il carcere non lo spaventa più, semmai sarebbe più preoccupato di perdere gli affetti e le persone care.

    564