Fabio e Mingo licenziati da Striscia la Notizia: il Codacons parte civile contro 10 servizi sospetti

Fabio e Mingo licenziati da Striscia la Notizia: il Codacons parte civile contro 10 servizi sospetti

Fabio e Mingo licenziati da Striscia la Notizia: il Codacons si costituisce parte civile nel procedimento penale, in cui sono coinvolti 10 servizi sospetti

da in Antonio Ricci, Canale 5, Personaggi Tv, Striscia la notizia, Codacons
Ultimo aggiornamento:

    Fabio e Mingo sono stati licenziati da Striscia la Notizia: adesso è il Codacons a scendere il campo. L’associazione dei Consumatori ha annunciato che si costituirà parte civile, mentre si vocifera che siano ben 10 servizi sospetti, anche se attualmente la procura sta indagando ufficialmente sul caso del finto avvocato. Il polverone che si è alzato dopo la sospensione, a cui poi è seguito l’allontanamento definitivo di Fabio e Mingo, storici inviati del Tg satirico di Antonio Ricci, non sembra destinato a sgonfiarsi così facilmente. A tutelare il diritto dei telespettatori di ricevere sempre informazioni veritiere è arrivato anche il Codacons, che attraverso una lettera scritta da Carlo Rienzi, ha preso posizione in merito alla faccenda.

    Sembra destinata a durare ancora a lungo la battaglia legale che Striscia la Notizia ha ingaggiato per scoprire la verità circa i servizi ‘falsi’ prodotti da Fabio e Mingo, i due inviati di origini pugliese che ultimamente sono balzati agli onori della cronaca, per un fatto alquanto spiacevole. I due, infatti, sono stati licenziati con l’accusa di aver svolto il loro lavoro in maniera poco onesta.

    Dopo un botta e risposta che ha coinvolti il tg satirico di Antonio Ricci, alla ricerca di un sostituto per la coppia, ed i due inviati, adesso anche il Codacons, l’associazione dei consumatori, ha deciso di prendere posizione.

    Carlo Rienzi, presidente dell’associazione dei consumatori, ha deciso di scrivere una lettera nella quale ha annunciato che si costituirà parte civile durante il procedimento legale che sta indagando circa il presunto servizio falso di Fabio e Mingo riguardante il finto avvocato, anche se gira voce che i servizi su cui Striscia ha dei sospetti siano addirittura dieci. I telespettatori del programma di Canale 5 vanno difesi perché sono stati presi in giro, quando il tg satirico è stato sempre un punto di riferimento per la denuncia di truffe e la difesa dei cittadini.

    Se la procura di Bari dovesse evidenziare che ci sono stati degli illeciti, secondo l’associazione non solo sarebbe un problema per il programma ma anche per tutti i telespettatori dei quali sarebbe stata tradita la fiducia. Infine, Rienzi chiude sottolineando che è vicino alla redazione del tg ed in particolare alla figura di Antonio Ricci. Fabio e Mingo adesso si trovano contro anche il Codacons, mentre con il finto avvocato e altre due persone che hanno preso parte alla realizzazione del video dovranno rispondere di simulazione di reato.

    459

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Antonio RicciCanale 5Personaggi TvStriscia la notiziaCodacons Ultimo aggiornamento: Martedì 12/05/2015 16:31
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI