Exit – Uscita di sicurezza, Ilaria D’Amico torna da stasera su La 7

Dalle 21:10 torna Exit - Uscita di sicurezza, la nuova serie del programma di inchieste ideato e condotto da Ilaria D'Amico

da , il

    exit 2011 ilaria damico la7

    Da stasera tornano le inchieste di Ilaria D’Amico su La 7. Alle 21:10 parte la nuova serie di Exit – Uscita di sicurezza, il volto di Sky parlerà dei fatti che stanno al cuore a noi italiani. La prima puntata parlerà di un tema scottante (nel vero senso del termine) le ragazze che scelgono di usare il proprio corpo per conquistare uno spazio nella nostra società. Con in testa il Rubygate, la giornalista di Sky intervisterà numerose ospiti in studio che hanno fatto o no questa scelta.

    Dopo aver cambiato sottotitolo (il Files della scorsa stagione), Exit torna al vecchio “Uscita di sicurezza”, forse perché è proprio quello che ci vuole al nostro Paese. Per questa stagione Exit – Uscita di sicurezza si sdoppia. Infatti il giorno dopo della messa in onda sarà possibile votare e rivedere tutte le inchieste. Così facendo il programma condotto da Ilaria D’Amico resta in contatto continuo con i propri telespettatori. Non solo sul sito della 7 sarà possibile rivedere le puntate on demand.

    Il blog della trasmissione di approfondimento giornalistico resterà sempre attivo. Sarà anche possibile vedere le inchieste in diretta sul sito del canale, mentre sulla pagina web di Exit ci saranno ulteriori approfondimenti e video del programma. Ricordiamo che Exit è un programma prodotto da Magnolia ed è di Ilaria D’Amico, Mariano Cirino, Stefano Cappellini e l’ex iena Alessandro Sortino. Curatore per La 7 è Francesco Del Gratta Il produttore per Magnolia è Flaminia Sacerdote. Mentre la regia è affidata a Fabio Calvi.

    In un’intervista tempo fa, la D’Amico ha chiarito (se ce ne fosse bisogno) quanto sia legata alla “sua” creatura Exit: “È una droga per me. È una mia creatura, l’ho pensata e ideata io. Lontana da lei sto male. Exit nasce dal desiderio di raccontare le cose in maniera cruda, senza il politically correct“.