EW, le 20 morti più scioccanti della storia della tv (spoiler)

Le 20 morti peggiori della storia della tv secondo EW

da , il

    È inevitabile, prima o poi uno dei nostri personaggi preferiti muore. Negli anni si sono succeduti decessi che ci hanno fatto piangere, disperare e addirittura smettere di seguire molte serie tv. Spesso dietro queste morti ci sono problemi contrattuali o voglia di lasciare il set per fare qualcosa di diverso. La rivista specializzata EW ha stilato la classifica delle 20 morti più scioccanti della storia della tv. Alcune serie non hanno avuto molto seguito in Italia, altre sono tratte da cult come Lost ed E.R.. Ecco i 20 momenti più tragici che avremmo voluto dimenticare (inspiegabilmente quella del dott. Greene di E.R. non è in classifica).

    20. OMAR LITTLE (interpretato da Michael K. Williams), personaggio di The Wire. È stato ucciso da Kenard nell’ottavo episodio della quinta stagione. È stato versato parecchio sangue in The Wire, ma quel che rende questa morte particolarmente scioccante è la sua spaventosa casualità. Per cinque stagioni, Omar è stato il dio della guerra nelle principali strade di Baltimora, praticamente invincibile (è sopravvissuto pur saltando giù da un edificio). Date le amibizioni dell’interprete, il decesso di Omar era solo una questione di tempo, ma è stato comunque sorprendente e molto emozionante: a sparargli non un membro di una gang o un poliziotto, ma un adolescente, Kenrad.

     

    19. ANASTASIA ”DEE” DUALLA (Kandyse McClure), Battlestar Galactica (2009). Morta suicida nel tredicesimo episodio della quarta stagione. L’episodio finale di Battlestar Galactica inizia in modo tetro: Dualla è appena tornata da un appuntamento romantico con il suo ex-marito Lee. Si guarda allo specchio, sorride, poi prende una pistola, la punta alla tempia e preme il grilletto.

    18. AGENT CAITLIN TODD (Sasha Alexander), NCIS (2005)

    Uccisa nell’episodio finale della seconda stagione dal terrorista Ari Haswari. Se eravate dei fan di NCIS nel 2005, sapevate che qualcuno sarebbe morto alla fine della seconda stagione, ma non sapevate chi. Durante una sparatoria contro i terroristi, Caitlin si tuffa davanti a Gibbs (Mark Harmon) per proteggerlo da un colpo di pistola, ma la salva il giubotto anti-proiettile. I telespettatori fanno un respiro di sollievo quando Gibbs le dice che è stata brava. “Wow – ha il tempo di rispondere – Pensavo di dover morire prima di ricevere un complimento da te”: immediatamente dopo risuona un altro colpo di pistola esploso dal cattivo/cecchino Ari (guest star Rudolf Martin), che la colpisce in fronte. E qui la morte è inevitabile.

    17. GARY SHEPHERDThirtysomething (1991)>. Muore in un incidente stradale durante l’ultima stagione. Di grande successo in America, prodotta e interpretata da Ken Olin, uno dei creatori di Brothers and Sisters, Thirtysomething è inedita in Italia. Dopo aver seguito la battaglia contro il cancro alle ovaie di Nancy (Patricia Wettig, Holly Harper in Brothers and Sisters e moglie di Olin) e mentre ci prepariamo al peggio, pronti a sapere se è invasa da metastasi, arriva una buona notizia. Giusto il tempo di abituarsi all’idea… ed ecco la frase devastante: Gary (Peter Horton) è morto in un incidente d’auto. Fra le sue cose un dono per lei, una copia di Attraverso lo Specchio e Quel che Alice vi Trovò con una dedica:
”In a Wonderland they lie,
Dreaming as the days go by,
Ever drifting down the stream,
Lingering in the golden gleam,
Life? What is it, but a dream”.

    16. DAN CONNER (John Goodman), Pappa e Ciccia (1997) Il mitico Dan muore d’infarto durante il matrimonio della figlia Darlene. La morte del pater familias di questa sit-com non fu accolta bene dal pubblico. Le cose sembrano mettersi bene per la famiglia Conner durante la nona stagione: hanno vinto 108 milioni alla lotteria, Darlene ha avuto un bambino, Jackie trova la sua dolce metà e Dan sta meglio dopo l’infarto che ha avuto nel corso della stagione precedente. Ma – citando Dallas - si tratta solo di un sogno. Come scopriamo nel series finale, Dan è morto sul serio durante le nozze di Darlene, e tutto ciò che è successo dopo è stato creato da Roseanne per superare il lutto. Almeno – come sottolinea EW – hanno evitato la maledizione della lotteria.

    15. LUCY KNIGHT (Kellie Martin), ER (2000) La morte di Lucy Knight è uno dei momenti più drammatici nel pronto soccorso più famoso di Chicago e porterà il Dottor Carter alla tossicodipendenza. Lucy viene uccisa da un paziente schizofrenico nella quattordicesima puntata della sesta stagione; uno choc per i telespettatori che ricordano ancora l’immagine di Carter sanguinante sul pavimento mentre guarda il viso di Lucy: da spezzare il cuore.

    14. KENNY, South Park (1997) Il mitico Kenny viene ucciso in quasi ogni puntata di South Park in modi sempre diversi: fatto saltare in aria da una navicella spaziale, calpestato da un gregge di bestiame, messo sotto da una macchina della polizia. Resta mitico: “Oh mio Dio, hanno ammazzato Kenny, brutti bastardi!

    13. IANTO JONES (Gareth David-Lloyd), Torchwood: Children of Earth (2009). Muore per mano aliena fra le braccia del suo amato Jack dichiarandogli il suo amore durante il quarto giorno di Children of Earth. Uno dei personaggi principali di Torchwood muore e fin qui nulla di nuovo. Ma la morte di Ianto influenzerà l’ultimo anno della miniserie di Children of Earth. I telespettatori nelle fasi del dolore hanno bypassato la negazione e sono andati dritti alla fase della rabbia organizzando boicottaggi, spedendo minacce di morte agli sceneggiatori per ‘dissuaderli’ da altri decessi. Il creatore della serie della BBC non si fece intimorire e dichiarò a EW: “Se non riescono a reggere la serie non dovrebbero vederla. Trovate qualcos’altro. Si dessero alla poesia, la poesia è meravigliosa“.

    12. MAUDE FLANDERS, The Simpsons (2000) Dopo Kenny un altro protagonista dei cartoon nella classifica di EW. Maude Flanders, la moglie di Ned, morta nel quattordicesimo episodio dell’undicesima stagione dei Simpson. Ovviamente è colpa di Homer. Durante una nuova gara di auto a Springfield Homer si toglie via la maglia e si disegna un obiettivo sul petto con la speranza che le cheerleaders gli lancino delle magliette gratis. Le ragazze lo fanno, ma Homer si abbassa e la raffica di t-shirt colpisce Maude. La moglie di Ned perde l’equilibrio e cade su un’auto. Flanders diventa vedovo e così la ricorda il reverendo Lovejoy nel suo elogio funebre: “In molti modi, Maude Flanders ha aiutato le nostre vite. Non ha attirato la nostra attenzione con memorabili tormentoni, o accenti comici. Ma, che lo abbiate notato o no, Maude è sempre stata lì“.

    11. JOHN LOCKE (Terry O’Quinn), Lost (2009) Ucciso (?) da Benjamin Linus nel settimo episodio della quinta stagione. È uno dei personaggi più enigmatici di Lost. La fede incrollabile di Locke nell’importanza dell’Isola è essenziale all’equilibrio dello show. Com’è riuscito il diabolico Ben Linus (Michael Emerson) ad avvolgergli una corda intorno al collo e ucciderlo?

    10. LAWRENCE KUTNER (Kal Penn), House (2009), Si suicida nel ventesimo episodio della quinta stagione. La sua morte sciocca non solo il Princeton-Plainsboro, ma tutti i fan dello show della Fox che immaginavano un grande futuro per il tirapiedi di Gregory House. Kal Penn, che aveva lasciato lo show per occupare un posto di prestigio nella squadra di Obama, ha poi abbandonato il lavoro alla Casa Bianca per tornare alla carriera di attore.

    9. SUSAN BIDDLE ROSS (Heidi Swedberg), Seinfeld (1996). Muore leccando le buste tossiche in cui saranno contenuti gli inviti del suo matrimonio nell’ultima puntata della settima stagione, di scarso successo in Italia. Chi l’avrebbe mai detto che trovare un fidanzato si trasformi nella la cosa più scioccante che sia mai successa in Seinfeld? George compra delle buste per spedire gli inviti del matrimonio, ma sceglie le più economiche, realizzate con una colla tossica. Susan paga il prezzo della tircheria del futuro marito, morendo per intossicazione. Per uno show sul nulla, questa morte ha significato qualcosa. Il suo decesso fu uno choc per tutti, George in primis.

    8. MRS. LANDINGHAM (Kathryn Joosten), The West Wing (2001). La segretaria del presidente Bartlet (interpretato da Martin Sheen) muore in un incidente stradale durante la seconda stagione. Un grandissimo personaggio al femminile quello di Mrs. Landingham, talmente intima della famiglia Bartlet da poter dire loro tutto quel che pensava. Dopo aver faticosamente conquistato la patente e comprato la sua prima auto, la donna muore lasciando nello sconforto il presidente. Ma Mrs. Landingham è poi tornata da Bartlet sotto forma di visione, consigliandogli di ripresentarsi alle elezioni e di non arrendersi alla sclerosi multipla. E come sempre aveva ragione.

    Occhio alla posizione numero 7 perché c’è un mega spoiler collegato all’ultima stagione di Lost.

    7. SAYID JARRAH (Naveen Andrews), SUN-HWA KWON (Yunjin Kim) and JIN-SOO KWON (Daniel Dae Kim), Lost (2010). Tre dei principali personaggi di Lost muoiono nella terzultima puntata di Lost. Nel corso delle sue sei stagioni Lost ha ucciso molti personaggi del cast, ma è stato veramente scioccante perdere tre amati sopravvissuti del volo Oceanic 815 nell’arco di un paio di minuti. Sayid, un’anima in pena sin dall’inizio, ‘infettato’ dal ‘male’ si redime facendosi saltare in aria nel tentativo di salvare i compagni. Un sacrificio in parte vano, visto che nella stessa situazione muoiono Jin e Sun, appena ritrovatisi: annegano tenendosi per mano. Il pianto di Hugo sulla spiaggia alla notizia della loro morte lo ricorderemo a lungo.

    6. JOYCE SUMMERS (Kristine Sutherland), Buffy the Vampire Slayer (2001). Morta di aneurisma celebrale nel quindicesimo episodio della quinta stagione. Buffy ha sempre avuto a che fare con la morte, ma mai così direttamente o realisticamente come quando sua madre è morta non sotto gli attacchi di una bestia o di un demone, ma di un aneurisma celebrale. Le conseguenze strazianti si possono vedere in vari personaggi: Buffy vomita per terra, Dawn collassa, Willow non sa cosa indossare all’ospedale. La musica dello show e l’umorismo ricercato sono assenti, rendendo chiaro che il mondo fantastico di Buffy non era immune dal alle prove di quello reale.

    5. ADRIANA LA CERVA (Drea de Matteo), I Sopranos (2004) La donna di Christopher Moltisanti, il protetto di Tony Soprano, è stata uccisa per ordine del boss nella dodicesima puntata della quinta stagione. A spararle è stato Silvio Dante, mandato direttamente dal boss. La colpa della bellissima Adriana? Era diventata una talpa dell’Fbi. Dopo averlo ammesso al suo amato, Adriana sperava che potessero iniziare una nuova famiglia sotto il programma di protezione testimoni. Lui le ha detto che sarebbe stato così, ma quando Silvio l’ha portata nel bosco facendole fare un’orrenda fine, è stato chiaro da che parte stava. Per tutti adesso lui è un uomo d’onore. Oggi l’attrice di origine italiana interpreta Angie Bolen in Desperate Housewives.

    4. ROSALIND SHAYS (Diana Muldaur), Avvocati a Los Angeles (1991) L’insopportabile avvocato Roz Shays era stata assunta per risollevare le sorti dello studio McKenzie, Brackman, Chaney, and Kuzak, ma la legale portò a una battaglia interna che quasi lo distrusse. Alla fine, l’edificio ha avuto la meglio, in un modo che solo la mente di David E. Kelley, il papà di un’altra serie legal Ally MacBeal, avrebbe potuto orchestrare, Roz in modo comico e scioccante entra dentro un’ascensore vuoto e precipita verso la morte. Il decesso nel sedicesimo episodio della quinta stagione.

    3. TERRY CROWLEY (Reed Diamond), The Shield (2002) Ucciso appena nel primo episodio. Si ha subito un’idea di quanto sia duro e deviato il mondo di The Shield già nel primo episodio, il nostro anti-eroe Vic Mackey spara un proiettile nel suo nuovo e giovane partner per coprirsi le spalle. Reed Diamond era stato inserito nel cast come attore principale, quindi nessuno se lo aspettava. Il suo sguardo vuoto e le sue sopracciglia aggrottate hanno reso chiaro che neanche il pover Terry se lo aspettava.

    2. TERI BAUER (Leslie Hope), 24 (2002) Uccisa dalla talpa Nina Meyers alla fine dalla prima stagione. Durante il giorno uno, la moglie di Jack Teri ha avuto una giornataccia come suo marito agente speciale. In cerca della loro figlia rapita, finisce per essere sequestrata e offre di essere violentata al posto della figlia. Riesce a scappare per un pelo, si dirige verso una casa tranquilla dopo un’altra giornata in cui no nè riuscita a essere all’altezza del suo nome. Alla fine Jack torna a casa e siamo pronti per un finale triste, Teri viene sparata dalla talpa Nina Meyers, e la stagione si chiude con lui agonizzante che stringe nelle braccia il corpo della moglie morta.

    1. RITA (Julie Benz), Dexter (2009) Nell’ultima puntata della quarta stagione di Dexter, in onda fra tre giorni su Fox. Uccisa dal serial killer Trinity. Dopo la morte dell’assassino, Rita e i bambini vengono mandati via in vacanza. Durante il corso della quarta stagione Dexter ha vissuto alcune situazioni di pericolo, ma adesso è a casa tranquillo. Ma proprio verso la fine della quarta stagione, Dexter chiama Rita e si accorge che il suo cellulare è ancora a casa. Così lei, morta dissanguata sotto le mani di Trinity nella vasca da bagno. Anche se nel corso delle stagioni ci siamo abituati agli addii di personaggi importanti (come Doakes) e meno (come Little Chino), ma uccidere inaspettatamente qualcuno così vicino a Dexter e ai nostri cuori è stato crudele e grandioso.