Evan Handler (Californication) e la seconda autobiografia

Evan Handler (Californication) e la seconda autobiografia

La vita di Evan Handler, star di Californication e, prima ancora, di Sex and the City, è cambiata circa quattro anni fa, quando l’attore dovette interrompere la sua carriera a causa di una forma, ritenuta incurabile, di leucemia: dopo di allora, Handler è diventato un forte difensore dei diritti dei pazienti, ed ha scritto un’autobiografia intitolata “Time on Fire: My Comedy on Terrors”

    evan handler

    La vita di Evan Handler, star di Californication e, prima ancora, di Sex and the City, è cambiata circa quattro anni fa, quando l’attore dovette interrompere la sua carriera a causa di una forma, ritenuta incurabile, di leucemia: dopo di allora, Handler è diventato un forte difensore dei diritti dei pazienti, ed ha scritto un’autobiografia intitolata “Time on Fire: My Comedy on Terrors”.

    Quattro anni dopo, con una carriera ‘rivitalizzata’, una moglie e una figlia, l’attore ha scritto un ‘sequel’ del primo libro, intitolato “It’s Only Temporary: The Good News and the Bad News of Being Alive”, una collezione di ‘racconti’ sulla vita dopo la malattia.

    Il primo libro, ha spiegato Handler al Detroit Free Press, era un resoconto su come fare i conti con una malattia incurabile, e su come reintegrarsi nella vita, ed essere capaci di riabbracciarla, dopo che è stata trovata una cura per la tua malattia. Sono venuto fuori da questa esperienza vivendo la mia vita al contrario, facendo a 30 le cose che avrei dovuto fare a 20, senza la sicurezza di poter credere nel futuro”.

    Se il primo libro era destinato a ‘poche’ persone, il secondo volume di Handler dovrebbe essere destinato a più lettori, “perché ho pensato che sarebbe stato interessante dare alle persone l’idea di come io fossi e una storia che copre un lungo periodo di tempo, un po’ come conoscere una persona attraverso una serie di aneddoti individuali”.

    Oltre che sulla sua malattia, l’attore ha anche parlato della sua esperienza in Californication, dove interpreta l’agente e il migliore amico del protagonista Hank Moody: Duchovny ha recentemente completato il suo ‘trattamento’ per guarire dalla sesso dipendenza, ma Handler, come già fatto nei giorni scorsi, ha spiegato di non aver discusso della cosa con David.

    Non lo vedo sin dal giorno che abbiamo finito di girare la seconda stagione, e posso dire che se sul lavoro andiamo molto d’accordo, David non mi mai parlato, neanche una volta, dei suoi problemi personali. Mi hanno detto che sta bene, ha concluso Handler, ma posso dichiararmi beatamente ignorante su tutta la situazione”.

    474

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE