Elisabetta Canalis alla tv Usa: “George Clooney? E’ meglio di un lifting”

Intervista in inglese per Elisabetta Canalis, questa volta la bellissima sarda sembra cavarsela molto meglio

da , il

    George Clooney? Meglio del botox. A rilevare i poteri di ringiovanimento del divo di Er è la “sua” Elisabetta Canalis. L’ex velina è stata intervistata dal sito americano ET e ha parlato della sua carriera televisiva in Italia, del suo ruolo da guest star in Leverage e di come il compagno sia per lei una sorte di elisir di giovinezza. L’ex velina ha raccontato al programma americano che grazie alla vicinanza con George è ringiovanita: “Stare accanto a George mi fa sentire di avere di nuovo 18 anni, è meglio della chirurgia plastica“, scherza in un inglese più che sufficiente.

    Il fatto che l’ex velina se la cavi con la lingua di sua maestà fa venire il dubbio sulle sue “sole” doti attoriali mostrate in una puntata di Leverage. Durante la breve intervista la Canalis parla della sua carriera nel nostro Paese e specifica e chiarisce una volta per tutte che non ha mai fatto la modella: “E’ perché sono troppo bassa, sono sempre stata troppo bassa per fare la modella mi piace fare quello che sto facendo ora. In Italia facevo la presentatrice e le foto in posa l’ho fatto solo per qualche servizio“, dice in un inglese decisamente migliorato.

    Il miglioramento si deve forse all’area di Los Angeles e a detta della velina in California si sta meglio lontani dall’invidia degli italiani, quella a cui qualche settimana fa l’ex velina ha citato in un’intervista a Vanity Fair. Poi la città degli Angeli le ha dato un’opportunità incredibile, quella di recitare nella serie televisiva Leverage: “Stare qui è bellissimo, dice la soubrette, è un privilegio per me, essere qui con Tim (Timothy Hutton, il protagonista che le sta accanto durante l’intervista) e il resto del cast, sono delle persone magnifiche e mi stanno aiutando moltissimo“. Nella serie, la Canalis interpreta una spia italiana, nota con il soprannome criptico di The Italian, spia che in origine, come sottolinea lo stesso Hutton, doveva essere bulgara, ma per adattare meglio il personaggio a Elisabetta è diventata italiana.

    Il discorso torna subito sul suo amato George Clooney, “Con lui mi sento bene, mi piace stare con lui, lo seguo ovunque“. La Canalis lo seguirà anche sul red carpet della cerimonia degli Emmy, cerimonia durante la quale all’attore di ER verrà dato il premio Bob Hope Humanitarian, il premio assegnato alle persone del mondo dello spettacolo che grazie al loro impegno umanitario hanno messo “in buona luce” il mondo dello showbiz, assegnato precedentemente a Oprah Winfrey, Bill Cosby e Danny Thomas: “Sono molto orgogliosa di lui, è un premio molto importante… E sì anche lì gli starò accanto“.