Elementary, le novità dal Comic Con 2012 per lo Sherlock Holmes di CBS [FOTO+VIDEO]

Elementary, le novità dal Comic Con 2012 per lo Sherlock Holmes di CBS [FOTO+VIDEO]

Riuscirà Elementary a reggere il confronto con Sherlock (Holmes) britannico? Ecco le novità del crime CBS con Johnny Lee Miller e Lucy Liu

    Riuscirà Elementary a reggere il confronto con Sherlock (Holmes) britannico? E’ la scommessa di CBS, che ha presentato la sua nuova serie al Comic Con 2012: sceneggiato da Rob Doherty e prodotto tra gli altri dall’ex Dexter Michael Cuesta, anche regista del pilot, lo show vede protagonista Jonny Lee Miller nel ruolo di Holmes, ex consulente di Scotland Yard che, aiutato da Joan Watson (Lucy Liu), sua assistente tutto fare, risolve crimini apparentemente impossibili collaborando con la polizia di New York. Elementary debutterà il 27 settembre su CBS, e questo è tutto quello che si sa finora dello show…

    Oltre alla trama già brevemente accennata sopra, possiamo aggiungere che, come anche il personaggio di Arthur Conan Doyle, anche questo Sherlock sarà travagliato: dopo aver visto fallire la sua carriera medica – ha perso un paziente e la sua licenza tre anni prima – Watson viene costretto da suo padre a emigrare da Londra a New York, dove sarà guardato a vista dalla dottoressa Watson, la quale ben presto scoprirà che il protagonista ha ben poco in comune con i suoi altri pazienti: la sua unica cura per continuare la strada della sobrietà è lavorare come consulente della polizia, ‘missione’ nella quale Watson dovrà accompagnarlo/vigilarlo. Nel cast anche Aidan Quinn nel ruolo del capitano Tobias ‘Toby’ Gregson, che conosce Sherlock dai tempi di Scotland Yard e che è assai felice di averlo nel team newyorkese.

    La notizia di uno Sherlock americano non ha fatto propriamente felici i produttori inglesi, sopratutto perché, spiegava ad inizio anno Sue Vertue, tra i producer della serie britannica con Benedict Cumberbatch: “CBS – spiegava la produttrice – vuole fare una sua versione di Sherlock Holmes, è interessante, ci hanno chiamato per chiederci se potevano fare un remake dello show, assicurandoci che in alcun modo il loro personaggio sarebbe somigliato al nostro, cosa che, se non vera, sarebbe assai preoccupante“. “Il nostro progetto – replicava CBS – è una versione moderna di Holmes e Watson, personaggi di pubblico dominio: siamo consapevoli delle leggi sul copyright, e non violeremo nessuna storia o lavoro altrui”.

    Nel corso del panel è stato comunque ricordato che non esiste solo la serie BBC (con il cui protagonista Miller ha recitato in Frankenstein al Royal National Theatre), ma anche i film con Robert Downey Jr.: “Avere così tante interpretazioni – ha detto il protagonista del procedurale CBS – toglie un po’ la pressione, puoi mostrare quello che vuoi, le cose che secondo te non sono state mostrate prima… e scoprire anche nuove cose e proporle all’audience.

    Con Benedict abbiamo parlato dei due progetti, volevamo essere sicuri che fossero diversi: è stato molto, molto solidale e poi siamo finiti a parlare di che straordinario personaggio sia Holmes“. [CONTINUA DOPO IL VIDEO]

    Tra le differenze, il fatto che Watson sia una donna: “Mi è sempre piaciuto – ha detto Lucy Liu durante il panel – quando la gente cambia le cose, Rob Doherty pensa al di fuori degli schemi e anche questo cambio di sesso ci permetterà di creare dinamiche e alchimie differenti dai film e dalla serie BBC: non dico che sarà romantica, anche perché Watson userà il suo lavoro di ‘guardiano’ di Holmes per non fare i conti con i suoi problemi emotivi, ma sarà una relazione diversa, ci sarà un po’ di brivido“.

    Non è chiaro se brivido significa che ci ritroveremo tutti shipper di una coppia che ci farà attendere secoli prima di mettersi insieme, l’unica concessione che Doherty fa è che “i due protagonisti saranno, come nei libri, molto legati, ma non abbiamo scelto un uomo e una donna per una storia d’amore: quando mi si è presentata l’opportunità di fare una serie su Holmes, ho fatto un sacco di ricerche e ho scoperto che se Holmes ha difficoltà con le persone in genere, ha molte difficoltà con l’altro sesso: ecco, volevamo vedere se Sherlock sarebbe stato capace di lavorare con una donna“.

    Parlato dei cambi al libro, il producer non ha però voluto svelare se ci saranno delle similarità con i rimanzi, ad esempio con l’introduzione di personaggi famosi quale il professor Moriarty e/o Mycroft Holmes, fratello più grande di Sherlock: “Ci sono cose che vogliamo tenere per noi stessi, ma posso dire che sarebbe un peccato fare un aserie su Sherlock e non avere Moriarty… prima o poi. E’ qualcosa cui penseremo col procedere della stagione“, ha detto Doherty, secondo cui invece per Mycroft dovremmo aspettare, anche perché “andando avanti ci piacerebbe contribuire con nostre storie e nostro materiale al mito di Holmes“. Ma la famiglia di Sherlock ci sarà mostrata: nel pilot ci saranno dei riferimenti al padre di Holmes, “un personaggio – conclude il producer – che getterà la sua ombra su un sacco di cose che succederanno nei primi episodi“.

    857

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI