Don Matteo 10 stagione, Terence Hill: ‘Sono disponibile a una nuova serie’

Don Matteo 10, Terence Hill: 'Sono disponibile a una decima stagione'

da , il

    Le polemiche non fermano il successo di Don Matteo: la serie – arrivata alla nona stagione, due i nuovi episodi in onda stasera – è una corazzata di ascolti e dalle pagine di Famiglia Cristiana, Terence Hill annuncia di essere disponibile ad una decima stagione dello show, e rivela che prima di lui si era pensato a Giancarlo Magalli e Lino Banfi quali protagonisti della serie; a noi ci fa sorridere il solo pensarli in bicicletta….

    Sono felice che il pubblico ami questo personaggio. Ed io cerco di proteggero al massimo da ogni involontaria invasione‘, rivela Terence Hill al settimanale Famiglia Cristiana, dicendosi pronto ad una decima stagione: ‘Sono disponibile ad una prossima serie‘, la lapidaria risposta.

    Considerato che l’attore aveva fissato l’asticella ‘successo/rinnovo’ a cinque milioni, e che in media ogni puntata è vista da oltre otto milioni di persone, possiamo dare il rinnovo per certo? Per la cronaca, Nino Frassica si era detto potenzialmente d’accordo: ‘Quando abbiamo battuto l’ultimo ciak – spiegava – io e lui ci siamo guardati, emozionati. Lui mi ha regalato un giubbotto ed una delle sue cinture preferite, come pegno d’amicizia, in attesa di ritrovarci l’anno prossimo sul set di Don Matteo 10‘.

    Tornando a Terence Hill, grazie al successo del prete investigatore, molti produttori lo chiamano per recitare in altre fiction e film, ma il nostro non molla la tonaca:

    ‘Rinuncio a diversi copioni perchè troppo distanti dal mio don Matteo e non voglio rischiare confronti tra un prete a cui tutti vogliono bene e personaggi magari diametralmente opposti. Rifiuto anche la pubblicità, preferisco restare vicino a don Matteo e rinunciare ad altro, nove mesi di lavoro impongono rigore ed al tempo stesso impediscono, o quasi, altri impegni. Però mi piacerebbe fare un fiilm sulla vita di Johannes Brahms, complicata e misteriosa come la sua musica: è un bel personaggio che mi piacerebbe interpretare’.

    Hill, che a breve potrebbe anche diventare cittadino onorario di Gubbio, rivela anche due chicche: la fiction non si sarebbe dovuta chiamare Don Matteo, ma don Teodoro, e il protagonista… non sarebbe dovuto essere lui.

    ‘All’inizio pensavano a Giancarlo Magalli e Lino Banfi per il ruolo. Io sono stato scelto dopo. E il personaggio si sarebbe dovuto chiamare don Tedodoro, ma avevo qualche dubbio, pensavo che non fosse il nome adatto’.

    E se Rai Uno trasmette da anni – con successo – un prete investigatore, lo deve anche Gilbert Chesterton, che ha ispirato il personaggio e l’idea della fiction, non solo con Padre Brown, ma anche con la citazione ‘Il prete conosce meglio l’animo umano e quindi arriva prima della polizia. Don Matteo – il riconoscimento di Hill – nasce anche da lì‘.