Domenica Live, Anna Oxa: ‘No a Sanremo, Fazio non mi ha chiamato quando doveva’

Domenica Live, Anna Oxa: ‘No a Sanremo, Fazio non mi ha chiamato quando doveva’

Domenica Live, Anna Oxa: 'No a Sanremo, Fazio non mi ha chiamato quando doveva'

    Tu seguimi, tu seguimi, qui è un random‘: mai inizio di intervista fu più profetico, se è vero che l’intervista che Barbara D’Urso ha fatto ad Anna Oxa nel corso di Domenica Live è stata di un non-sense assoluto: non ci credete? Dopo il salto vi proponiamo alcuni stralci, tra denuncia sociale, Festival di Sanremo e varie ed eventuali.

    ‘Sono la donna che si è più fratturata più di tutti nel mondo mondo, ogni volta che riguardo il filmato è come se mi fratturassi di nuovo. Ho il ginocchio ancora in quelle condizioni’, dice ad inizio intervista la Oxa. Dopo il servizio riassuntivo sull’infortunio a Ballando con le Stelle, ritorno in studio con Barbara D’Urso che chiede: ‘Perché non crederti?‘. Ed ecco la risposta della Oxa:

    ‘Io sono un personaggio un po’ scomodo, perché credo che si possano denunciare una serie di cose attraverso l’arte. Ho vissuto in un certo tipo di mondo e ho fatto questa scelta da ragazza’.

    Domenica Live 09.02.2013 Oxa

    Capita l’antifona, D’Urso prova a lanciare un servizio sulle evoluzioni stilistiche della sua ospite; ma la risposta sul come e perché è in puro stile supercazzola:

    ‘Vivo la dimensione che vivo, l’arte ha sempre denunciato i mondi, le situazioni, i disagi che vive un Paese. L’Italia è un paese dove sono nate cose straordinarie e creative, è Risorgimento, Illuminismo. Io, da ragazzina, ho creato un personaggio divertente per certi aspetti e molto creativo, che denunciava determinate cose – nel 1978 con Un’emozione da poco un personaggio non punk, ma un impiegato parastatale e un po’ punk, mi raccontavo con una canzone che non aveva a che fare con quel tipo di movimento. Era denunciare con un atto creativo cose che non vivevo solo io ma che vivevano anche gli altri, e lo facevo un po’ prima degli altri. Ho deciso, dopo aver conosciuto la bruttezza, di sposare la creatività. come atto di… Io credo che ancora oggi non viviamo in un epoca non creativa ma di grande degrado, abbiamo perso l’identità del popolo: l’Italia, un Paese creativo, ha perso queste caratteristiche’.

    Domenica Live 09.02.2013 Oxa 1978

    Sempre più persa, come noi, Barbara D’Urso lancia un servizio sui più famosi successi della Oxa; applausi del pubblico e altra dichiarazioni impegnativa:

    ‘Mi racconto nei testi, noi viviamo un’emozione da poco, non vedo più la realtà, non so più a che punto siamo, cosa stiamo vivendo: io l’ho capito cosa stiamo vivendo, la mancanza di coscienza totale, di scala dei valori o etica, che ci faccia reagire a situazioni nel modo più giusto. Senza pietà era un inno alla donna guerriero, mi sono presa la responsabilità di essere una donna in prima linea che cerca, una donna con un’energia femminile spirituale. Nei miei passaggi ho sempre cercato di denunciare come sempre fa l’arte, che arriva a tutti: non ci sono più brani con un certo tipo di composizione’.

    Domenica Live 09.02.2013 Oxa Sanremo

    Una D’Urso sempre più persa cerca di tornare sulle polemiche; stavolta si passa al Festival di Sanremo e al mancato invito del 2013:

    ‘Non vado a Sanremo, non ci ho neanche pensato e non ci hanno pensato neanche loro.

    Io l’anno scorso ho denunciato molto prima ciò che sta accadendo in Italia, abbiamo sempre sottovalutato la comunicazione televisiva, attraverso la musica e il canto’.

    Domenica Live 09.02.2013 Oxa Sanremo Iene

    E siccome ci stiamo di nuovo perdendo – fermo restando che non ci siamo mai neanche trovati – nostra signora delle faccette lancia un servizio delle Iene sul tema mancato invito; peccato che il ritorno in studio sia con una Oxa stile avvocato in un’arringa:

    ‘Quando voi fate la spesa, state facendo una dichiarazione politica, idem quando fate la benzina. Io faccio politica da sempre, mi sono presa la responsabilità utilizzare l’arte per denunciare determinate cose’.

    Domenica Live 09.02.2013 Oxa Sanremo 04

    Tornando a Sanremo 2013 – e 2014:

    ‘Fazio non mi ha chiamato quando mi doveva chiamare, perché si fa così, si fugge, non si resta a guardare o a discutere. Io ho sempre fatto politica, ma non appartengo a nessun partito. L’anno scorso mia canzone era una canzone molto bella e accettata, ero già nel cast, poi c’è stata una litigata particolare tra fazioni e da lì… Chi ha assistito a tutto questo… sai benissimo che esporsi per tanti è un rischio’.

    ‘Non ho pensato di andare a Sanremo, non so se lo guarderò perché sto preparando il mio disco. Se mi capita volentieri, guardo anche quello che non mi piace per capire quello che non devo fare o cose che non ho ancora imparato’.

    ‘Se mi avesse chiamato Fazio? Quest’anno non ho preparato nulla. Non ho seguito tutto il cast, non c’è nulla di creativo che mi faccia gioire nel vedere e ascoltare. Mi rendo conto che questo lavoro di annichilire l’arte, di togliere la creatività spirituale interiore dall’uomo, spostare l’uomo nella periferia, è un lavoro che è stato fatto molti anni fa’.

    ‘Oggi siamo arrivati a questo risultato: la tv, il canto, la discografia, l’arte in generale: se pensiamo che tutto quello che ascoltiamo o vediamo oggi non sia parte di un sistema politico, ci stiamo sbagliando. Altrimenti non ci sarebbe la ‘corsa’ ad utilizzare questo mezzo mediatico che arriva subito nelle case di tutti’.

    Domenica Live 09.02.2013 Oxa Sanremo Fine

    E una stremata Barbara D’Urso tenta di chiudere con una domanda da sì/no: ‘Ti senti discriminata per motivi politici?’, chiede; una domanda che per Oxa non è da sì o no:

    ‘Tutto il mio lavoro è sempre stata un’evoluzione con dei forti cambiamenti. Ho sempre avuto delle difficoltà, come le persone che mi stavano vicino, perché io sono una che manifesta. non voglio parlare di coraggio, credo che ci siano tutte le possibilità’.

    ‘Io ti interrompo qui perché ho una cosa che si chiama tassativo’, conclude la D’Urso, sollevata (?). ‘Ma chi manifesta, secondo me ha coraggio‘: che poi è l’unica cosa sensata, o forse no, sentita in mezz’ora di intervista.

    1184

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI