Doctor Who è razzista? Gli accademici accusano e la BBC si difende

Doctor Who è razzista? Gli accademici accusano e la BBC si difende

Un'antologia di saggi accademici accusa 'Doctor Who' di essere razzista, ma la BBC respinge le insinuazioni al mittente

    Doctor Who è razzista? Gli accademici accusano e la BBC si difende

    Doctor Who è razzista? E’ questa la domanda sollevata da un gruppo di accademici, autori di un’antologia di prossima uscita. Il libro non è ancora stato pubblicato ma ha già scatenato un polverone mediatico, come facilmente intuibile. La serie tv cult viene accusata, senza troppi complimenti, di avere spiccate tendenze razziste, ma la BBC respinge le insinuazioni al mittente.

    Si chiama ‘Doctor Who And Race’ (‘Doctor Who e la razza’) il volume che uscirà a luglio e che contiene 23 saggi di altrettanti accademici, decisi a dimostrare la natura razzista delle celebre serie tv.
    L’accademica australiana Lindy Orthia, che si è occupata di comporre l’antologia, descrive il telefilm fantascientifico come ‘assordantemente razzista’ fin dalle sue origini. Doctor Who va in onda sulla BBC dal 1963 e nell’arco delle sue 33 stagioni televisive si sono alternati 11 attori nel ruolo del protagonista. Gli autori del volume in questione puntano l’attenzione sul fatto che nessuno di essi sia mai stato una persona di colore nè di etnia asiatica.
    Tra le altre ‘prove’ a sostegno della tesi che vengono enucleate nel libro c’è il trattamento di sufficienza che il Dottore di turno riserverebbe ai suoi compagni di colore, il disprezzo manifestato per i ‘selvaggi’ delle culture primitive e addirittura la predilezione del Signore del Tempo per il gioco del cricket: a quanto pare, è uno sport che rimanda nostalgicamente all’Impero Britannico e alle sue conquiste colonialistiche.

    La BBC si è ovviamente affrettata a difendere la serie tv dalle accuse oltraggiose. Ecco quanto ha dichiarato un portavoce del network:

    ‘Doctor Who vanta una lista estremamente eterogenea di attori, tanto nei ruoli principali quanto in quelli secondari.

    Freema Agyeman ha interpretato la prima assistente di colore del Dottore e Noel Clarke ha ricoperto una parte di primo piano per cinque anni.’

    Freema Agyeman ha infatti prestato il volto alla vulcanica Martha Jones, mentre Noel Clarke ha recitato la parte ricorrente di Mickey Smith, amico e collaboratore del Dottore.

    Quanto ai fan dell’amatissima serie sci-fi, si sono affrettati a liquidare le accuse come ridicole e prive di qualunque fondamento.
    Il volume uscirà nelle librerie tra un paio di mesi, ma in molti sembrano aver già deciso che non varrà la pena acquistarlo. Andrà davvero così, o alla fine la curiosità avrà la meglio e gli accademici si prenderanno la loro vittoria?

    439