Distretto di Polizia 9, si ricomincia

Distretto di Polizia 9, si ricomincia

E' per questa sera su Canale 5 alle 21

    Distretto di Polizia 9

    E’ per questa sera su Canale 5 alle 21.10 il primo dei 13 appuntamenti (per 26 puntate) con Distretto di Polizia 9: il X Tuscolano è sempre più un porto di mare, con i suoi continui arrivi e le sue inevitabili partenze.

    In attesa di vedere stasera le prime due puntate di Distretto di Polizia 9, cerchiamo di tirare le fila della situazione e di vedere quali saranno i tempi portanti di questa nona edizione.
    Usciti di scena nella scorsa stagione Berti (Enrico Silvestrin), inconsolabile per la morte di Irene (Francesca Inaudi), e Parmesan (Roberto Nobile), lasciano ora il commissariato Raffaele Marchetti (Max Giusti), che molla dopo poche puntate, e Anna Gori (Giulia Bevilacqua), sconvolta dalla violenta morte dell’ex fidanzato, colui che lasciò sull’altare, ovvero Carlo (Clemente Pernarella) che muore in uno scontro a fuoco: come e perché lo scopriremo presto. Una morte che promette di far cambiare anche i rapporti tra Anna, in servizio al X Tuscolano ormai da cinque stagioni, e il neo commissario Luca Benvenuto (Simone Corrente), da sempre nella serie, da quando era un agente scelto alle prime armi.

    La continuing story del 2009 vede il X Tuscolano alle prese con la Mafia Russa, in generale con la criminalità organizzata dell’Est, che prende qui le sembianze di una russa doc, Natasha Stefanenko (che ha abbandonato le atmosfere rarefatte di Nebbie e delitti) nel ruolo di Nadja, di Aleksander Cvjetkovic (Pavel) e Rodolfo Corsato (Dorian).
    A dare una mano agli uomini in servizio al commissariato romano arrivano un nuovo pm, Castelli, cui presta il volto Tullio Solenghi, e una vecchia conoscenza delle produzioni Taodue, Stefano Pesce, già volto di punta dei R.I.S. e già comparso in Distretto nella quarta stagione in veste di artificere e ora nel ruolo di Lorenzo Monti.

    Arriva anche un altro nuovo agente, Flavio Parenti, nelle vesti di Gabriele Mancini.

    I colpi di scena non mancheranno: sebbene ci sia poco delle prime stagioni, alcune atmosfere del Tuscolano – come la solidarietà di squadra, l’azione, la complessità investigativa – restano intatte. Almeno lo speriamo anche per questa nona stagione.

    427