Diritti tv Serie A, sbloccata assegnazione a Sky

Diritti tv Serie A, sbloccata assegnazione a Sky

la corte di appello di Milano ha accolto il reclamo della Lega Calcio e ha sbloccato l'assegnazione a sky italia dei diritti tv per il satellite dei campionati di serie a 2010-2012

da in Attualità, Sky, Sport, Calcio in tv, campionato-serie-A, diritti-tv, Lega Calcio
Ultimo aggiornamento:

    Diritti tv calcio Sky, Lega Calcio

    La Corte d’Appello di Milano ha accolto il reclamo proposto dalla Lega Calcio contro l’ordinanza del Tribunale milanese che, su ricorso dell’emittente Conto Tv, aveva bloccato l’assegnazione a Sky Italia dei diritti televisivi dei campionati di Serie A per le prossime due stagioni, 2010-2011 e 2011-2012. La Corte ha dunque annullato l’ordinanza emessa il 4 novembre scorso dal Presidente Tarantola, ha sbloccato l’assegnazione dei diritti tv per il satellite alla pay tv di Murdoch e ha condannato Conto TV a pagare le spese processuali. Lo ha reso noto la Lega Calcio.

    Attraverso una nota la Lega Nazionale Professionisti esprime tutta la sua soddisfazione per i provvedimenti presi ieri dalla Corte d’Appello di Milano che, accogliendo il suo reclamo proposto insieme a Infront Italy e successivamente a SKY Italia, ha annullato l’ordinanza con cui il Presidente Tarantola, il 4 novembre scorso, aveva bloccato l’assegnazione a Sky dei diritti audiovisivi delle stagioni sportive 2010-2011 e 2011-2012 del campionato di calcio di Serie A a seguito del ricorso presentato da Conto Tv (l’emittente si era rivolta alla Corte contro la formulazione del bando di assegnazione dei diritti tv per il satellite in cui si contestava una disparità per quanto previsto invece per il digitale terrestre).

    Venendo meno il blocco diventa dunque pienamente efficace e operativa l’assegnazione a Sky Italia dei diritti tv relativi alle dirette sul satellite delle gare dei campionati 2010-12 di Serie A. Un provvedimento, dice in parole povere la Lega Calcio, con cui le autorità giudiziarie riconoscono la legittimità, la trasparenza e la correttezza di tutto il proprio operato.

    Marco Crispino, amministratore delegato di Conto Tv (condannata al pagamento delle spese processuali) non si arrende e commenta: “se è vero che abbiamo perso non nel merito, ma nella competenza, visto che la questione non riguarda il mercato comunitario, ma quello italiano, siamo pronti a riproporre le nostre ragioni davanti al tribunale”.

    396

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàSkySportCalcio in tvcampionato-serie-Adiritti-tvLega Calcio