Diritti tv calcio, la Ue dice no alle frontiere

Diritti tv calcio, la Ue dice no alle frontiere

Una sentenza della Corte di giustizia Ue ha stabilito che non possono essere posti dei limiti all'uso di schede e decoder straniere per guardare le partite di calcio

da in Attualità, Sport, Calcio in tv, diritti-tv
Ultimo aggiornamento:

    diritti tv calcio sentenza ue

    Secondo la Corte di Giustizia dell’Unione Europea il sistema di licenze televisive frammentato su base nazionale (come è quello italiano per il calcio) è contrario al diritto della concorrenza della Ue: porre dei limiti territoriali e nazionali per l’utilizzo di schede per decoder infatti va contro le norme sul mercato unico europeo. La Corte, abbattendo le frontiere dei diritti tv del calcio, ha dunque stabilito che d’ora in avanti i privati non solo potranno utilizzare le loro schede nei 27 paesi dell’Ue ma potranno anche usare schede e decoder stranieri per guardare le partite sulle piattaforme satellitari. Una rivoluzione per il mercato televisivo che probabilmente farà felici numerosi appassionati del pallone e che forse metterà fine al “contrabbando” delle schede.

    L’Unione Europea dice basta alle frontiere dei diritti tv del calcio e con una storica sentenza dichiara illegittimi i limiti territoriali per le schede dei decoder imposte finora anche dal sistema di licenze televisive italiano. Nella sentenza della Corte di giustizia Ue si stabilisce infatti che i cittadini hanno il diritto di comprare l’abbonamento di una qualsiasi emittente satellitare a prescindere dalla loro residenza in Europa.

    Permangono limiti invece per l’uso delle schede nei locali pubblici: in particolare viene sottolineato che “una partita non può essere considerata “opera” protetta dal diritto d’autore, ma lo sono le sigle di apertura/chiusura delle leghe che perciò possono essere trasmesse nei locali pubblici solo previa “autorizzazione dell’autore””.

    Di fatto con questa decisione della Corte Ue si aprirà una più ampia e diretta concorrenza fra le emittenti satellitari europee.

    E a giovarne di più saranno i fan del calcio in tv, che avranno così la libertà di utilizzare il decoder più economico per guardare le partite, anche se questo va contro gli accordi esclusivi firmati dalle emittenti con le varie Leghe sportive nazionali.

    349

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàSportCalcio in tvdiritti-tv