DiMartedì, la copertina a Luca e Paolo: il duo raccoglie l’eredità di Maurizio Crozza

Nel talk show politico di Giovanni Floris sono arrivati Luca e Paolo: firmeranno loro la copertina satirica di DiMartedì raccogliendo il testimone di Maurizio Crozza, approdato sul Nove. Il duo comico ha debuttato nella serata di martedì 4 aprile 2017 esordendo con una frecciatina sui tagli degli stipendi Rai per poi spaziare tra i temi politici e affrontare, con ironia, l'argomento delle elezioni europee e quello dell'immigrazione.

da , il

    Nel talk show DiMartedì la copertina viene affidata a Luca e Paolo: il duo comico raccoglie l’eredità di Maurizio Crozza facendo il debutto da Giovanni Floris su La7 durante la puntata andata in onda martedì 4 aprile 2017. Dalle battute irriverenti alle considerazioni sui tagli degli stipendi in Rai senza trascurare l’ironia su Alessandro Di Battista, Matteo Renzi e Silvio Berlusconi: così il duo comico ha esordito sulla rete di Urbano Cairo promettendo di non fare sconti a nessuno.

    Dunque, è stata affidata a Luca e Paolo la copertina satirica di DiMartedì, il talk show guidato da Giovanni Floris su La7: il duo comico – ospite anche di Maria De Filippi al Serale di Amici 2017 – ha fatto il suo debutto in video irrompendo prima dell’intervista del conduttore ad Alessandro Di Battista, esponente del Movimento Cinque Stelle guidato da Beppe Grillo. Con ironia e verve, Luca e Paolo hanno salutato Floris ed esordito con una frecciatina sui tagli degli stipendi in Rai: ‘In questa settimana in cui tanto si è parlato dei compensi agli artisti Rai, cioè di pagare meno quelli che vanno in video e tagliare gli stipendi ai comici Rai, è con immenso piacere che vi salutiamo da La7!’.

    Luca e Paolo, la copertina a DiMartedì del 4 aprile 2017

    Raccogliendo l’eredità di Maurizio Crozza – che ha lasciato la rete di Urbano Cairo per passare sul Nove per un programma tutto suo – Luca e Paolo si sono assunti l’onere e la responsabilità di curare settimanalmente la copertina satirica di DiMartedì. L’esordio di Luca e Paolo su La7 li ha visti impegnati su temi politici – ‘[…]Adesso in Italia ci sono tre schieramenti: destra, sinistra e Grillo. Ma dove sta Grillo? Destra? Sinistra? Boh, deciderà il web. Chi c’è nel centro? Parisi, Alfano, Casini, Cicchito, Quagliarello e anche Librandi. Ma quanto è largo ‘sto centro? Idea: liberiamo il centro e facciamoci lo stadio della Roma […]’ – sulle prossime elezioni europee – ‘Tra un po’ ci saranno le elezioni, l’Europa sarà un punto chiave. Renzi vuole più Europa, Berlusconi meno Europa, Salvini zero Europa. Grillo? Lui sì Europa. No, forse vuole no Europa. Boh, vabbè, deciderà il web’ – e sull’argomento ‘caldo’ delle immigrazioni – ‘Renzi vuole più immigrati, Berlusconi meno immigrati, Salvini zero immigrati. Grillo? Lui no immigrati. No, poi ha detto sì immigrato. Vabbè, deciderà il web’.

    Luca e Paolo, poi, hanno concluso la prima copertina satirica su La7 con una chiosa che ha fatto sorridere anche Alessandro Di Battista: ‘Il PD è come Blockbuster, mentre il Movimento Cinque Stelle è Netflix: ma allora Berlusconi cos’è? Youporn!’. Il duo comico, dunque, ha salutato il pubblico di Giovanni Floris dando appuntamento alla prossima settimana con un’altra interruzione satirica firmata dalla comicità genovese.

    Maurizio Crozza