Digitale terrestre, bando per le frequenze quasi pronto

Digitale terrestre, bando per le frequenze quasi pronto

Paolo Romani rassicura Almunia: a breve sarà spedito a Bruxelles il bando di gara per l'assegnazione delle frequenze del digitale terrestre

    Paolo Romani frequenze dtt

    Il Ministro per lo Sviluppo Economico, con delega alle Comunicazioni, Paolo Romani, ha annunciato che nelle prossime settimane sarà finalmente spedito a Bruxelles il bando di gara per l’assegnazione delle frequenze per il digitale terrestre ancora libere. Una vexata quaestio che tiene banco da mesi ma per la quale sembra vicina una soluzione. L’Unione Europea attende.

    Paolo Romani è volato a Bruxelles per incontrare il commissario Ue alla concorrenza, Joaquin Almunia che attende da mesi di poter visionare il bando per l’assegnazione delle nuove frequenze del digitale terrestre. Una questione resa particolarmente delicata dalla candidatura di Sky, che nei mesi scorsi ha ottenuto dall’Ue il ‘permesso’ di partecipare alla gara, grazie a uno ‘sconto’ sugli accordi firmati all’epoca dell’ingresso nel mercato televisivo italiano come monopolista satellitare, per il quale avrebbe dovuto tenersi lontano dal DTT almeno fino al 2012.

    Proprio le reazioni di Mediaset, preoccupato della concorrenza (anche se Sky non potrà all’inizio avere un’offerta pay), e le proteste del Governo hanno rallentato le procedure di stesura e presentazione del bando, che ora, però, sembra davvero alle porte.

    Ho detto ad Almunia che stiamo mandando il bando, che è l’ultimo atto del governo italiano in questa vicenda” ha detto il ministro, che ha evidenziato come “non c’è stato alcun ricorso dell’Italia su Sky, ma la verifica sulla compatibilità di Sky con il mercato italiano“.
    Insomma, il Governo accoglie le decisioni dell’Ue, “anche ci sono ancora alcuni particolari che vanno precisati nel bando di gara” ha aggiunto Romani.

    Siamo proprio curiosi di leggerlo.

    315

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Attualitàpaolo-romani