Digitale terreste Mediaset: in arrivo Iris e Bis, due nuovi canali free

Digitale terreste Mediaset: in arrivo Iris e Bis, due nuovi canali free

Il Digitale Terrestre Mediaset lancia Iris e Bis, due nuovi canali dedicati a cinema, teatro e intrattenimento

    I loghi dei nuovi canali del digitale terrestre Mediaset

    Mentre infuria la bagarre politico-mediatica per l’affaire Rai-Mediaset (di cui abbiamo parlato ieri), l’azienda del Biscione lancia due nuovi canali, destinati ad arricchire l’offerta free del proprio digitale terrestre. Come annunciato qualche giorno fa, nascono Iris, dedicato a cinema e teatro, e Bis, per rivedere 25 anni di tv privata.

    Iris vedrà la luce il 30 novembre: la sua offerta abbraccerà diversi generi cinematografici, dal cinema d’essai ai b-movie anni Settanta-Ottanta, organizzati in cicli, legati ad eventi speciali, anniversari, ricorrenze; anche il teatro sarà ben rappresentato, con la prima serata del venerdì (la prima pièce sarà “Il medico dei pazzi” con Carlo Giuffrè), mentre la musica classica e l’opera lirica troveranno spazio il mercoledì. Non mancheranno approfondimenti, documentari, informazione ed intrattenimento, che configurano il nuovo canale come una sorta di nuova rete generalista destinata alla piattaforma digitale.

    Per Bis, una specie di RaiSat Extra, bisognerà aspettare il primo semestre del 2008. La sua “mission” è quella di rirpoporre produzioni, show, serie e personaggi che hanno fatto la storia della tv commerciale. Tre i cicli: Mediaset graffiti (viaggio nei ricordi); Mediaset cult (sulle trasmissioni diventati culti televisivi); Mediaset greatest hits (sui successi che hanno cambiato la storia della tv).

    Inizia a profilarsi qualcosa di nuovo, dunque, per il digitale terrestre, prossimo standard di trasmissione che finora è stato decisamente abbandonato a se stesso.

    Se è vero che il 2012, termine ultimo per lo switch-off imposto dalla Comunità Europea, appare ancora lontano, è indubbio che si debba iniziare a costruire un’offerta che stimoli gli spettatori alle nuove modalità di fruizione tv. L’impressione è che fino ad ora si stia perdendo una buona occasione per dare davvero la tanto auspicata, e celebrata, svolta del panorama televisivo. Con i film e le repliche non si va molto lontano…

    401