Dibattito sulle primarie del Pd su Sky TG 24: i video dei momenti salienti [FOTO]

Dibattito sulle primarie del Pd su Sky TG 24: i video dei momenti salienti [FOTO]

Il dibattito dei candidati alle primarie del centrosinistra è stato un successo di ascolti e di critica per Sky Tg24

da in Cielo, Sky, Sky tg24, Politica
Ultimo aggiornamento:

    Sky e Cielo a reti unificate hanno mandato in onda ieri Il confronto, il dibattito dei cinque candidati alle primarie del centrosinistra: Pierluigi Bersani (Pd), Matteo Renzi, Nichi Vendola, Bruno Tabacci e Laura Puppato. Un successo senza precedenti per Sky che ha raggiunto ottimi risultati anche rispetto alle altre reti generaliste e non solo in termini di ascolti. Il confronto è stato seguito da 1.842.000 telespettatori con lo share del 6,07%, per la precisione erano in 683.000 (2,25%) sul canale allnews e ben 1.159.000 sul pubblico canale di Cielo (3,92%). Ottima prova anche dal punto di vista democratico, già perché Sky è stata presente dove la Rai ha – per il momento – fallito, e ha ricoperto il ruolo tipico della televisione pubblica. Per la cronaca, la Rai ha deciso di correre ai ripari e in un breve comunicato ha ammesso la volontà di ospitare un altro dibattito dei candidati del centrosinistra. Ma quali sono stati i momenti migliori del confronto di Sky TG24?

    La stampa è divisa su chi ha vinto o chi ha perso il confronto di ieri sera, ma resterà il titolo di Libero, i Fantastici Cinque. Quanto al vincitore, per Repubblica, Corriere e Stampa Matteo Renzi l’ha spuntata, per il Fatto Quotidiano Vendola è stato il migliore, per il Messaggero Bersani e il Sole 24 Ore Tabacci. Quanto ai bookmaker, è finita in pareggio fra Bersani e Renzi. I temi su cui si sono confrontati sono stati lavoro, UE, Marchionne e la Fiat, pressione fiscale e coppie di fatto. Ma rivediamo i momenti salienti del dibattito di Sky.

    Il Pantheon
    I cinque candidati hanno fatto il nome dei membri del loro pantheon. Bersani ha iniziato con papa Giovanni perché ‘riusciva a cambiare le cose rassicurando‘, Tabacci cita Alcide De Gasperi e Giovanni Marcora, Puppato cita Tina Anselmi e Nilde Iotti e Matteo Renzi sceglie Nelson Mandela e la blogger tunisina Lina, chiude Nichi Vendola cita il cardinale Carlo Maria Martini, un uomo che ha saputo parlare di fecondazione assistita e i diritti delle coppie di fatto con un ‘rispetto straordinario‘.

    Oscar Giannetto
    Durante il dibattito, ampio spazio per le domande del pubblico e all’improvviso una spettatrice ci regala un siparietto esilarante. La lavoratrice precaria sostenitrice di Vendola, Serena Bramante, chiede a Renzi dell’autore del suo programma elettorale Giuliano Da Empoli e di Roberto Reggi, coordinatore della sua campagna elettorale, che vuole aprirsi a Oscar Giannetto, per tutti Oscar Giannino memore di aver definito la centrale di Fukushima prova che il nucleare fosse sicuro. Domanda a parte, Giannetto rimarrà negli annali della storia della TV italiana, con tanto di profilo Twitter fasullo, secondo qualcuno l’alter ego del fondatore di Fermare il declino è il vero vincitore del dibattito di ieri sera.

    Bentornati bamboccioni
    Una delle domande proposte ai fantastici 5 è stata quella relativa ai giovani e al mondo dell’occupazione. In quest’occasione, il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, ha corretto la candidata Laura Puppato. Il consigliere regionale del Veneto ha citato i bamboccioni, termine caro all’ex ministro della Funzione Pubblico, Renato Brunetta e l’ha anche citato come “padre” dell’espressione. Renzi ha corretto il tiro dicendo che a crearla è stata l’ex ministro del Tesoro, Tommaso Padoa-Schioppa, morto due anni fa.

    L’appello finale dei ‘fantastici cinque’
    Gli appelli finali sono iniziati con Bruno Tabacci, invitato dal moderatore Gianluca Semprini a dire qualcosa di centrosinistra. Il candidato di Italia Concreta invita a ‘non costruire una coalizione litigiosa ma una che ha in testa di servire il Paese‘. Anche il consigliere veneto Laura Puppato è d’accordo e cita l’importanza delle quote “rosa” nelle massime cariche. Il sindaco di Renzi, invece, cita Jovanotti e dice di essere ‘un ragazzo fortunato perché sto in una città bella e perché sono convinto che la politica sia una cosa bella‘. Vendola parte da lontano con il suo pensiero finale: ‘Penso che vorrei un’Italia migliore, più pulita, più bella, più gentile, più rispettosa…non voglio solo una coalizione che vinca le elezioni, voglio una sinistra che ricostruisca un vocabolario, che restituisca un’anima civile a questo Paese‘, infine Bersani vorrebbe riavvicinare gli italiani alla politica.

    Bruno Tabacci

    L’appello di Laura Puppato

    Nichi Vendola

    Pier Luigi Bersani

    929

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CieloSkySky tg24Politica