Dexter non sarebbe stato Dexter se non fosse stato trasmesso dalla Showtime

Dexter non sarebbe stato Dexter se non fosse stato trasmesso dalla Showtime

Il successo di Dexter è tutto merito della Showtime: a dirlo non è uno qualunque, ma il produttore esecutivo Clyde Phillips

    dexter

    Il successo di Dexter è tutto merito della Showtime: a dirlo non è uno qualunque, ma il produttore esecutivo Clyde Phillips, secondo cui lo show non avrebbe registrato gli stessi ascolti né sarebbe mai andato in onda così com’è se fosse stato trasmesso da uno dei network maggiori.

    Secondo Phillips, “avremmo dovuto eliminare tutta l’ambiguità morale che costantemente cresce nella serie, senza che ci sia risposta sul perché. Prendete una serie come The Shield (FX) e mettetela su uno dei grandi network: avrebbe sicuramente meno testosterone. Se Dexter fosse stato scritto per un altro canale, avremmo perso l’abilità di poter vivere nell’ombra”. E proprio l’ambiguità morale è uno dei punti cardine dello show, ambiguità che trova il suo apice nella doppia vita del protagonista: durante il giorno Dexter (Michael C. Hall) è un ematologo che lavora per la polizia di Miami, di notte si trasforma in cacciatore e killer di criminali che sono passati indenni attraverso il sistema giudiziario. Molto successo la serie lo deve anche alle accurate descrizioni su Dexter “al lavoro” (lavoro di killer, ndr), ma secondo Philipps nella seconda stagione ci sarà di più: “Non mostriamo scene ‘gore’, però lo facciamo capire ai nostri telespettatori.

    Nei 12 episodi della prima stagione, ci saranno sì e no 100 secondi di gore, meno di dieci ad episodio: non è niente al confronto di, ad esempio, CSI, dove vedete parti di cadaveri e corpi decomposti. Ma noi non abbiamo bisogno di mostrare certe cose, perché giochiamo più sul piano emozionale: cerchiamo di raccontare la storia dal punto di vista di Dexter, e i suoi flashback sono sempre emotivamente motivati. Penso sia questo il motivo del successo della serie: emozioni, personaggi e trama, in quest’ordine”.

    328