Dexter 6, il finale in lieve calo di ascolti; i primi spoiler per la settima stagione

Dexter, la sesta stagione è la più vista dello show - ma il finale è in lieve calo di ascolti; Scott Buck spiega il season finale, respinge le critiche e anticipa qualcosina sulla settima stagione

da , il

    Dopo una sesta stagione che ha diviso pubblico e critica, Dexter chiude la sua messa in onda con 2.23 milioni di telespettatori live, meno 11% rispetto al season finale dello scorso anno, ma comunque il programma più visto del 2011; con le repliche andate in onda nel corso della serata, Dexter ottiene in totale 2.71 milioni di telespettatori, meno 7% rispetto all’anno scorso. Per la cronaca, nonostante storyline non sempre all’altezza delle aspettative del pubblico, questa sesta stagione è stata la più vista di sempre, con una media di 5.4 milioni di telespettatori per episodio, il 10% in più dell’anno scorso. E se non avete visto il finale, meglio non leggere l’intervista che vi postiamo qui sotto… dove lo showrunner Scott Buck spiega quello che abbiamo visto nel season finale e anticipa qualcosina sulla settima stagione.

    Nel finale della sesta stagione di Dexter, il protagonista interpretato da Michael C.Hall viene scoperto da Deb (Jennifer Carpenter) mentre uccide il cattivo di stagione, e se considerate che sua sorella adottiva era andata da lui per dirgli che lo ama (e non in senso fraterno) capite bene che l’hype per la prossima stagione è a mille: ‘Che Debra potesse avere dei forti sentimenti per Dexter è sempre stata una possibilità che non necessariamente avremmo dovuto esplorare, ma che comunque era nel DNA del personaggio‘, afferma Scott Buck, che rassicura anche i fan sul fatto che la sequenza non è stata un sogno e che la settima stagione di Dexter riprenderà da dove è finita la sesta o poco più in là.

    In maniera non conscia siamo sempre andati in questa direzione, e sappiamo che c’è un fattore di disgusto in alcuni telespettatori e critici, ma non cambierà il modo di raccontare la storia‘, spiega Buck a proposito dell’amore di Debra per Dexter, una tema intorno al quale c’è un dibattito tra gli sceneggiatori va avanti da anni: ‘L’ipotesi è venuta fuori durante la seconda stagione e sapevamo sarebbe stata controversa: ne abbiamo parlato, l’abbiamo esclusa, ma continuava a tornare fuori anno dopo anno, ci sembrava una storia importante che stavamo non raccontando. Non c’è una ragione particolare perché abbiamo scelto di svilupparla quest’anno, ci sembrava solo di ignorare questa storia da troppo tempo‘.

    Lo showrunner spiega comunque di non credere che Dexter possa ricambiare sua sorella, ‘non penso abbia mai considerato certi sentimenti, né che li abbia mai avuti per qualcuno, a parte forse per Lumen: amare qualcuno non è cosa da Dexter, e non credo che sia capace di amare nel modo in cui lo ama Debra‘. Quanto alle potenziali complicazioni per gli attori in carne ed ossa – Michael e Jennifer si sono separati l’anno scorso dopo il matrimonio del 2008 – entrambi hanno reagito bene allo storyline, ‘sanno che fa parte dello show, sono professionisti e vanno dove i personaggi li portano‘.

    Per quanto riguarda la scoperta di Deb – ha visto Dexter uccidere un uomo, in maniera premeditata e non nell’impeto del momento – e le eventuali ripercussioni che questa scoperta avra, Buck spiega che ‘Deb ha sicuramente visto un omicidio rituale, non prenderemo in giro i telespettatori su questa storia‘, mentre alla domanda sul perché tale scelta non sia stata fatta nella quinta stagione (quando Debra arrivò vicinissima ai due ‘giustizieri’, Dex e Lumen, ma scelse di non farlo), l’autore dice che all’epoca non era showrunner, ma che ‘anche qui la scelta è stata fatta perché agli autori sembrava di aver ignorato la cosa per troppo tempo‘. Non è chiaro perché gli autori abbiano scelto di far scoprire le cose a Debra tutte d’un botto, ma Buck precisa che in realtà ‘Debra ha nel corso degli anni scoperto molte cose, ma non le ha esaminate a fondo; il suo intuito le diceva che in Dexter c’era qualcosa in più di quello che lei sapeva, anche se non credo che lei abbia mai pensato ad un serial killer‘.

    Non è chiaro se, come diceva David Nevins tempo fa, gli eventi del season finale segnino l’inizio della fine, ‘non conosciamo la fine di Dexter, abbiamo idee e sentimenti diversi su come possa finire, dobbiamo sederci e parlarne: chiaramente abbiamo in mente una direzione precisa, ma non conosciamo ancora il gran finale. In questo ci aiuta l’avere due stagioni nelle quali cominciare anche il percorso verso la fine, ma non sappiamo se ci sarà un cattivo o se possiamo cambiare la formula dello show, non dobbiamo rimanere ancorati a qualcosa solo perché l’abbiamo già fatto prima, ma non pensiamo neanche che non dobbiamo seguire strade che abbiamo già seguito prima‘.

    Buck ha anche aggiunto che Desmond Harrington (Quinn) tornerà, nonostante nel season finale si sia parlato di un suo possibile trasferimento, così come tornerà il ‘creepy computer guy’ infatuato di serial killer e di Dexter, cui ha mandato la mano dell’Ice Truck killer, ‘un messaggio che ancora non possiamo decifrare‘ secondo Buck, e anche Harry (James Remar) assente (stranamente?) nel season finale.

    Quanto alle critiche piovute sulla sesta stagione, infine, Buck ha detto che non vi fa troppo attenzione, neanche a quella che ha visto in Travis (Colin Hanks) un cattivo di stagione troppo debole: ‘Volevamo fosse complicato, che voi aveste sentimenti contrastanti per lui, che sentiste simpatia, o empatia, con quest’uomo, prima di capire chi fosse veramente. Non temiamo confronti con Trinity, John Lithgow è stato fantastico, ma ci sono molti cattivi lì fuori, e non tutti sono spaventosi allo stesso modo. Quanto alla rivelazione della morte di Gellar (Edward J.Olmos) – conclude Buck – non ci interessa che molti l’abbiano capita in largo anticipo, questo show è sempre stato sul come alcune rivelazioni influiscono su Dexter e non sulle rivelazioni in sé‘.