Davide Van De Sfroos, il video ufficiale di Yanez (Sanremo 2011)

Il video ufficiale di Yanez di Davide Van De Sfroos, in gara tra i BIg di Sanremo 2011

da , il

    Davide Van De Sfross con Yanez ha conquistato i telespettatori e la sala stampa di Sanremo 2011 fin dal primo ascolto, ma più passano i giorni più assume il ruolo di ‘colonna sonora’ di questo Festival. Piacevole, ritmata, ballabile, ‘incardinata’ negli stilemi del folk, la canzone di Van De Sfroos ha abbattuto con le sue prime note le sterili polemiche sull’uso del dialetto (che poi sia laghée, ligure, pugliese, lucano, napoletano poco importa) ricordando a tutti (e pare che ce ne sia ancora bisogno) che la buona musica non ha confini. In alto il video ufficiale di Yanez di Davide Van De Sfroos, in gara a Sanremo 2011.

    Davide Van De Sfroos conquista Sanremo 2011: una dei brani più accattivanti e coinvolgenti di questo Festival, che tra i Big riserva davvero pochissimi brividi e che vede nei Giovani le uniche ‘boccate d’aria’. Una fresca brezza arriva anche da Yanez, brano dedicato senza lacrimose retoriche al padre, particolarmente legato al personaggio di Salgari. E per stroncare sul nascere tutte le polemiche e le rivendicazioni ‘politico’-musicali, Van De Sfroos canterà Viva l’Italia nella serata dedicata all’Unità d’Italia.

    In basso il testo di Yanez di Davide Van De Sfross, in gara a Sanremo 2011.

    YANEZ (Davide Bernasconi)

    Sale scende la marea e riporta rudeera

    Un sedèll e una sciavata e una tuletta de Red Bull

    Sandokan cun’t el mohito e ‘l bigliett cun soe l’invito

    Sandokan che ha imparato a pilotare le infradito…

    E la geent che la rüva al maar taant per di’ che l’è staada che,

    Cul getton de la sala giochi el cavàll el moev un zicch el cüü

    Uduu de fritüüra de pèss e de pizza de purtà via

    Kamammuri l’è de sessant’ann che sta in soel dondolo de la pension…

    YANEZ DE GOMERA se regordet cume l’era?

    Adess biciclett e vuvuzela e g’ha el Suzuki anca Tremal Naik…

    YANEZ DE GOMERA se regordet de James Brook

    El giüga ai caart giò al Bagno Riviera e i hann dii che l’è sempr ciucch

    Stuzzichini, moscardini e una bibita de quatru culuur

    Abbronzati, tatuati i henn pirati vegnüü de Varees

    La pantera, gonna nera, canottiera, cameriera

    Moev el cüü anca senza i gettoni ma l’è

    che dumà per cambiàtt el büceer

    Sandokan in soe la spiaggia cui müdand della Billabong

    G’ha l’artrite e g’ha el riporto, partiss per Mompracem cul pedalò

    E i Dayaki cun scià la Gazzetta g’hann mea teem per tajatt el coo

    I lassen la spada suta l’umbrelon e fan più danni con l’iPhone

    YANEZ DE GOMERA l’eet vedüda l’oltra siira?

    Pussee che la Perla de Labuan, Marianna adess la me paar un sass…

    YANEZ DE GOMERA cünta soe ammo’ cume l’era

    Ho vedüü che s’è rifada i tètt, l’ha mea pudüü rifàss el coer…

    La sirena l’è incazzada che po’ mea giügà al balòn

    Pulenta e cuba libre per i granchi in prucession

    Cumincia l’eppi auar, la tigre di malesia

    Finiss all’usteria cul riis in biaanch e la magnesia

    Ustionati, pirati senza prutezion

    barracudas cun soe i rai ban che giügen a ping pong

    Sandokan che l’ vusa deent in pizzeria… el vusa e canta Romagna Mia…

    YANEZ DE GOMERA se regordet cume l’era?

    Adess biciclett e vuvuzela e g’ha el Suzuki anca Tremal Naik.

    YANEZ DE GOMERA se regordet del colonnello Fitzgerald?

    L’ho vedüü in soe la curriera che l’ nava a Rimini a vedè i Delfini…