Daniela Martani, il licenziamento è vicino

Daniela Martani, il licenziamento è vicino

Nonostante sia uscita dalla casa del Grande Fratello 9, per Daniela Martani il licenziamento è vicino

    L’uscita dalla casa del Grande Fratello 9 non ha cambiato la posizione di Daniela Martani nei confronti della Cai-Nuova Alitalia, per la quale è assente ingiustificata dallo scorso 13 gennaio. Ma Daniela non si pente di essere entrata al Grande Fratello, anzi.

    Giusto il tempo di passare una notte insonne ed ecco Daniela Martani affrontare la sua prima conferenza stampa da ex concorrente del Grande Fratello 9 e di nuovo in veste di Pasionaria dell’Alitalia pronta a difendere il suo posto di lavoro, ormai in bilico dal 13 gennaio scorso, giorno nel quale avrebbe dovuto prendere ufficialmente servizio come hostess a tempo indeterminato nella Nuova Alitalia.

    Daniela ha infatti firmato il contratto lo scorso 28 dicembre, senza che fosse indicata la data di inizio attività, ma è entrata alla corte del GF il 9 gennaio, qualche giorno prima dell’ingresso ufficiale in casa. Peccato che il 13 abbia preso ufficialmente serivizio la nuova compagnia di bandiera: da allora per l’azienda è irreperibile ed ha già ricevuto due provvedimenti disciplinari per mancato imbarco.

    Di certo la Cai non si lascerà intenerire dal suo addio alla casa del Grande Fratello: del resto alla società non interessa cosa abbia fatto nel frattempo. Ma per gli avvocati della ragazza si tratta di una ritorsione per l’impegno di Daniela nella lotta sindacale all’epoca delle trattative per la definizione del nuovo contratto di assunzione. Non si spiegherebbe altrimenti l’accanimento con cui l’azienda persegue le procedure di licenziamento, su cui a giorni dovrebbe esserci una disposizione definitiva.

    Intanto Daniela non è affatto pentita del suo tentativo televisivo. “Fare la hostess mi ha dato da mangiare per 11 anni - ha detto Daniela in conferenza stampa – ho rinunciato a molte cose, ho fatto la pendolare tra Roma e Milano per otto anni. Ma il mio sogno da sempre è lavorare nel mondo dello spettacolo. E il mio part-time prevedeva che seguissi le mie passioni. Una cosa non esclude l’altra.

    Non capisco perchè sono stata messa alla gogna per questo“. “È da quando avevo 18 anni che faccio provini – ripete Daniela – l’anno scorso al Gf e anche a XFactor, io sono una cantante e a 35 anni ho avuto l’occasione che avevo sempre sognato, poteva essere l’ultima chance. Ma se fossi rimasta sarebbe stato calpestato un diritto. Sono provata ma vado avanti”.

    Intanto gli avvocati hanno ricostruito l’intricata situaizone che ha portato Daniela alle soglie del licenzimento: “Daniela ha firmato il contratto il 28 dicembre, ma non c’era scritta la data di inizio dell’operatività. Poco prima di entrare nella Casa è stata presentata la richiesta di cassa integrazione. Una volta entrata al Gf, il 9 gennaio, non aveva chiesto l’aspettativa. La richiesta è stata fatta il 30 gennaio come potenziale via d’uscita, anche se il procedimento disciplinare era già iniziato. In quel momento era ancora nella Casa e concedendo l’aspettativa c’era una possibilità per non arrivare al provvedimento espulsivo. Ma la seconda richiesta è un segno di chiusura totale. Ci auguriamo che non si arrivi a licenziarla, altrimenti assumeremo la difesa nelle sedi più opportune“.

    La decisione della Cai è vicina, ma la soluzione del caso non lo è affatto. L’impressione è che possa seguire una dura battaglia legale.

    (Foto: La Repubblica)

    595