Daniel Radcliffe vuole Glee, Chris Colfer Julie Andrews

Daniel Radcliffe vuole Glee, mentre Chris Colfer vorrebbe che la grande Julie Andrews apparisse nella serie nel ruolo di nonna di Kurt

da , il

    Daniel Radcliffe vorrebbe apparire in Glee, ma l’attore di Harry Potter non crede di essere pronto: “Se me lo chiedessero ci penserei su – ha detto Radcliffe ad Access Hollywood – è uno show fantastico e sarei molto onorato se mi proponessero di farlo, solo che non sono sicuro di essere pronto a confrontarmi con guest star del calibro di Kristin Chenoweth!

    Dopo la fine di Harry Potter, Daniel Radcliffe è pronto a fare il suo debutto musicale a Broadway (dove è già arrivato con Equus), l’attore sarà infatti J. Pierrepont Finch nel revival di “How to Succeed in Business Without Really Trying“, spettacolo che vedrà Rob Ashford quale regista e coreografo).

    “How to Succeed in Business Without Really Trying” debutterà nel 2011 e sarà incentrato su Finch che, da uomo delle pulizie addetto alle finestre, si ritroverà vicepresidente alla pubblicità di una grossa compagnia. Peccato che le sue maniere poco ortodosse e moralmente discutibili rischiano di minacciare la sua carriera e la sua storia d’amore con Rosemary Pilkington (ancora da scritturare).

    E se pensate che ‘Harry Potter’ sia la guest star dei vostri sogni, cosa ne direste se Chris Colfer stesse attivamente facendo campagna per Julie Andrews? La grande attrice e star di Broadway è il sogno di Kurt, “sto facendo personalmente una forte campagna – ha detto – perché gli sceneggiatori prendano in considerazione il fatto che Julie possa essere mia nonna“.

    Sarebbe una cosa grandiosa“, ha aggiunto Colfer, secondo cui “Ryan Murphy ama l’idea, e pare che qualcuno le abbia chiesto se fosse interessata ad apparire nello show e lei ha risposto di sì“. Per quanto riguarda il suo personaggio, “pare che nella seconda stagione di Glee avrò un fidanzato, ma non sono sicuro di cosa accadrà perché se è vero che di recente Ryan ha detto che sarò attratto da un ragazzo normale che lotta con la sua sessualità, a Murphy piace spesso cambiare le carte in tavola“.