Damon Lindelof torna in tv: ‘Lavorerò al mio nuovo show – che non sarà come Lost’

Damon Lindelof torna in tv: ‘Lavorerò al mio nuovo show – che non sarà come Lost’

Damon Lindelof torna in tv: 'Con la Warner Bros TV lavorerò al mio nuovo show - dice - che comunque non sarà come Lost'

    damon lindelof torna tv tv

    Damon Lindelof torna in tv, a due anni dalla fine di Lost dopo essersi dedicato al cinema ed aver fatto da consulente per Once Upon A Time, l’autore ha firmato un contratto con la Warner Bros. TV per cui creerà un nuovo show: ‘Non escludo di sviluppare progetti con altri sceneggiatori, ma ora come ora mi sento soprattutto uno sceneggiatore che vuole creare la sua prossima serie‘, ha detto Lindelof, che vorrebbe tornare a lavorare con una tv broadcast ma anche cimentarsi con una tv via cavo e che fa sapere di essere pronto ‘a tornare in tv a tempo pieno‘ (l’unico progetto cinematografico di cui gli rimane da occuparsi è la sceneggiatura di 1952, film di cui sarà produttore lavorando al contempo per la WBTV).

    Mentre si parla ancora del finale di Lost, a due anni dalla fine dello show scritto con Carlton Cuse, Damon Lindelof torna a lavorare in tv: l’autore ha infatti firmato un contratto con Warner Bros. TV, per cui creerà/sceneggierà il suo prossimo lavoro.

    In un’intervista a Deadline, Lindelof a confessato di voler sia riprovare l’esperienza di lavorare con un grande network, non escludendo però anche di cimentarsi con una tv via cavo (cosa che sta provando a fare, con il prequel di Psycho, anche il suo ex compare Carlton Cuse).

    Sconosciuto il genere di show che il nostro produrrà, anche se Lindelof si spinge a dire che dopo Prometheus e Star Trek, ‘penso di dover espellere dal mio organismo il virus sci-fi: probabilmente non sarò ricordato come l’uomo che ha creato il prossimo Mad Men o Breaking Bad (entrambi show che amo) – ha aggiunto l’autore – ma quello che mi piace della televisione sono le storie basate fortemente sui personaggi, e voglio continuare ad esplorare modi fantastici di farlo, con personaggi che vivono in un mondo un po’ ‘spostato’‘. L’unica cosa certa che Lindelof dice è che ‘la nuova serie non sarà qualcosa come Lost, non ho interesse a fare show con una mitologia che fa impazzire‘.

    Lo sceneggiatore ha anche spiegato cos’è che lo ha spinto a tornare in tv, ‘l’anno scorso mi sono accorto che la vita cinematografica è carina, ma mi mancava l’eccitazione del fare una serie tv, all’epoca non avevo storie da raccontare quindi ho rimandato per un po’‘, ha detto, per poi aggiungere che prima di firmare con la WBTV, l’autore ha parlato (vista la relazione precedente) con ABC Studios, ma nonostante ‘i magnifici rapporti – conclude Lindelof – per me era importante poter vendere a qualsiasi network, anche via cavo, e per il loro modello di business sentivo che sarebbe stato molto difficile‘.

    520