Damon Lindelof di Lost si cancella da Twitter: troppe critiche dopo il finale di Breaking Bad

Damon Lindelof di Lost si cancella da Twitter: troppe critiche dopo il finale di Breaking Bad

Damon Lindelof, autore di Lost, si cancella da Twitter dopo una pioggia di critiche e accuse ricevute sul finale della serie tv

    Damon Lindelof, sceneggiatore e showrunner di Lost, si è cancellato da Twitter. Da sempre una delle personalità hollywoodiane più vivaci e attive sul social network, l’autore televisivo ha deciso di darci un taglio. La motivazione? La pioggia di critiche ricevuta dopo il finale di Breaking Bad.

    A tre anni dalla conclusione della saga di Lost, sono ancora tantissimi i fan che non hanno digerito il modo in cui la storica serie tv è terminata. In realtà, sono rari i casi in cui gli spettatori, specie quelli più appassionati, restano soddisfatti dell’episodio finale di un telefilm. Eppure, con Lost si sono ragiunte vette mai toccate prima d’ora: forse proprio per l’attaccamento estremo del fandom e per la devozione assoluta manifestata per sei lunghi anni, all’indomani della fine di Lost si scatenò una vera e propria rivolta cibernetica. Damon Lindelof e Carlton Cuse, all’epoca showrunner della serie tv, vennero sommersi da critiche pesanti, accusati di aver scritto un finale indegno e di aver lasciato domande irrisolte e buchi narrativi a non finire.

    Nonostante ciò, Lindelof non si è mai scoraggiato. Ha sempre difeso la sua posizione e nel frattempo ha ottenuto ruoli importanti a Hollywood: è stato co-produttore del film di Star Trek del 2009, ha scritto la sceneggiatura di Prometheus ed è stato co-sceneggiatore, insieme ad Alex Kurtzman e Roberto Orci, di Into Darkness – Star Trek, diretto da J.J. Abrams.

    Eppure, il finale di Lost resta per lui una macchia indelebile sul curriculum, impossibile da cancellare. Specie quando qualcuno o qualcosa risolleva l’argomento.

    E’ capitato l’anno scorso, quando lo scrittore George R. R. Martin si schierò con gli oppositori: in quel caso, Lindelof non riuscì a frenarsi dall’indirizzare tweet velenosi all’autore della saga de ‘Le cronache del ghiaccio e del fuoco‘.
    Ed è successo di nuovo qualche settimana fa, in occasione della messa in onda del finale di Breaking Bad. L’episodio conclusivo dell’acclamata serie tv ha voluto omaggiare proprio l’ultima puntata di Lost, replicando una celebre sequenza che tutti i fan ricordano. La citazione è stata immediatamente colta da parte dei fan, ma ha avuto un effetto domino devastante: la rete si è infatti riempita di elogi e commenti entusiastici per la conclusione di Breaking Bad, affiancati da accuse anche pesanti a quella di Lost.
    La pagina Twitter di Damon Lindelof è stata invasa da messaggi come ‘E’ così che si scrive un finale degno di questo nome’, ‘Guarda e impara’, ‘Questa è una serie e un finale che resteranno nella storia’.

    Lindelof ha reagito alla pioggia di offese ri-tweettandole tutte senza pietà, in modo alquanto provocatorio. Ma evidentemente la situazione deve averlo scosso nel profondo, perché ieri ha deciso di abbandonare il social network. Emblematico l’ultimo messaggio scritto prima di sparire dalla circolazione:

    ‘Dopo lunga a attenta riflessione, ho deciso d…’

    Un cinguettio lasciato, forse volutamente, a metà. Ci ripenserà? Chissà, intanto è al lavoro sul suo prossimo progetto televisivo, The Leftovers, con la speranza che riceva un’accoglienza più positiva.

    548

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI