Dal Grande Fratello a La Casa degli Assi: la grande mappa dei reality show

Dal Grande Fratello a La Casa degli Assi: la grande mappa dei reality show

La storia dei reality show trasmessi in Italia dal 2000 ad oggi racchiusa in una mappa

    VISUALIZZA QUI L’IMMAGINE A DIMENSIONE REALE

    Era il lontano 2000 quando Il Grande Fratello, il padre di tutti i reality, entrava nelle case degli italiani, cambiando per sempre il corso della televisione. La Casa degli Assi, l’ultimo dei reality, il primo che si svolge attorno a un tavolo da gioco, realizza per Televisionando la mappa dei reality trasmessi in Italia, tracciando un excursus che evidenzia il percorso di un genere televisivo controverso eppur seguitissimo. Da sempre.

    Nei suoi 14 anni di vita, il reality show ha conosciuto nuove declinazioni, è stato rinnovato e modificato, senza perdere, però, la sua forza primaria, ovvero catturare l’attenzione dei telespettatori fino a farli sentire parte integrante del format. Da semplice reality show in cui le telecamere riprendevano la vita di dieci ragazzi rinchiusi in una casa, sono tante le varianti che hanno contaminato il genere: dalla musica allo sport, passando per la danza, l’avventura e, ultima ma non ultima, la cucina. E ora il gioco d’azzardo.

    Secondo il massmediologo Klaus Davi, “I reality autoreferenziali come il Grande Fratello sono superati”. E se l’avvento del digitale terrestre ha dato filo da torcere alla tivù generalista, un aiuto potrebbe arrivare dal web, il mare magnum delle opinioni e delle potenzialità che con la tv, dopo l’iniziale riluttanza di quest’ultima, va a braccetto. I telespettatori assisteranno, quindi, a una sempre maggiore interazione tra televisione pura e social network: “reality come Amici di Maria De Filippi lo avevano intuito fin da subito e la contaminazione con la realtà sociale è destinata ad aumentare. Tuttavia tutto questo non basterà a salvare i reality, che vivono prima di tutto di temi e di personaggi. Il vero reality del futuro sarà Facebook”, afferma Davi.

    Il reality puro non è altro che la famosa “tivù verità” di cui si parla sempre più spesso.

    Sebbene Il Grande Fratello sia il padre del genere, alcuni prototipi sono stati confezionati già a partire dalla metà degli anni ’90: nel 1995, Davvero ha mostrato la vita di sette studenti universitari ripresi dalle telecamere per sei mesi, nel 1998 Milano-Roma riprendeva il viaggio in automobile di due vip dal capoluogo meneghino alla Capitale.

    I Talent: da Amici a Masterchef, passando per The Apprentice

    Una volta constatata la forza del reality, gli addetti ai lavori hanno apportato alcune modifiche – in alcuni casi sostanziali – al format originale, creando il cosiddetto talent show, pregno di mille sfumature e fucina di decine di talenti nazionali e internazionali. Dal mondo culinario a quello sportivo, dalle doti canore a quelle manageriali, nel talent show i concorrenti devono dimostrare di saper fare, dimostrarsi all’altezza delle prove cui vengono sottoposti e sbaragliare la concorrenza.

    Dating & Sexy Show

    Esiste anche il reality destinato al pubblico adulto. Alcuni format sono rimasti nella memoria dei telespettatori: La sposa perfetta, Vero Amore, Sex Therapy…

    L’Isola dei Famosi e La Fattoria: simulazione e avventura

    Ma c’è posto anche per Survivor e i meno fortunati Ritorno al presente e Uno due tre stalla.

    Estetica

    La forza di questa variante del reality propriamente detto è la scelta di utilizzare negozi reali come set per le riprese, consegnando alla tivù un alternativo elemento di veridicità. Extreme Makeover, Tabatha mani di forbice, Che trucco! e Dr. 90210.

    Esperimento Sociale

    Sono tutti quei reality che si focalizzano sulle dinamiche dei rapporti umani e sull’interazione del concorrente con la società; la finalità è rendere le persone migliori di quello che sono. Esempi? La talpa, Tesoro salviamo i ragazzi, Cortesie per gli ospiti, Unan1mous e Paris Hilton’s my new BFF.

    696

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Programmi TVReality ShowTalent Show