Da Don Panariello un appello a Celentano: ‘Ora chiudiamo PostalMarket!’ (video)

Da Don Panariello un appello a Celentano: ‘Ora chiudiamo PostalMarket!’ (video)

    Giorgio Panariello si veste da prete e fa la ‘contro’-predica ad Adriano Celentano per il suo attacco alla stampa Cattolica lanciato dal palco dell’Ariston nella prima serata di Sanremo 2012. Un video caricato sul profilo Youtube dell’attore toscano svela così una sua nuova parodia che lo vede nei panni di un bonario prete emiliano riprendere la ‘pecoleralla smarrita’ che spara facile contro Famiglia Cristiana e Avvenire. ‘Prova un po’ a far chiudere Diabolik!‘. Insomma, un perfetto spot per il suo prossimo show in onda su Canale 5. In alto il video.

    Troppo facile prendersela con i giornali cattolici, che sono tranquilli, moderati, pacifici … moh, prova un po’ te a far chiudere Tex Willer! Che magari arriva lì con Kit Carson che ti spara un fucilata che ti fa andare a zig zag per tutta la via Gluck‘: Giorgio Panariello torna a farsi vedere, dopo il grave lutt familiare che l’ha colpito, e si serve di YouTube per ‘dire’ la sua sul tanto discusso intervento di Celentano a Sanremo 2012 nella prima serata del Festival. Indossa l’abito talare e sfodera una cadenza da Don Camillo per dare apparentemente contro il Molleggiato, ricordando che le ‘chiavi del paradiso’ le ha la Chiesa, ma dando la sensazione di apprezzarne il coraggio mostrato all’Ariston, con l’appello a chiudere giornali ‘più tosti’ come Diabolik, Mani di fata, PostalMarket e via così.

    Beh, le letture possono essere tante, ma l’intento di Panariello non ci sembra strettamente polemico.

    Ci sembra piuttosto una ‘mossa’ da guerrilla marketing. Il video sembra spuntare proprio ad hoc per cavalcare l’evento della settimana, per ‘approfittare’ dell’attenzione mediatica assorbita dal Molleggiato e fare un po’ di promozione al suo nuovo show, a breve in onda su Canale 5 e che lo vedrà accanto a Nina Zilli, in questi giorni in gara proprio a Sanremo 2012.

    Insomma, commentare Celentano è il must della settimana: perché non approfittarne?

    339