Cynthia Nixon diventa calva per Wit e finisce nella bufera per la frase ‘L’omosessualità? Una scelta’

Cynthia Nixon diventa calva per Wit e finisce nella bufera per la frase ‘L’omosessualità? Una scelta’

Amata dalla critica per la sua recitazione in Wit, contestata dagli omosessuali per le sue dichiarazioni sull’omosessualità come scelta: l’ex Sex and The City Cynthia Nixon fa notizia in questi giorni in America

    Amata dalla critica per la sua recitazione in Wit, contestata dagli omosessuali per le sue dichiarazioni sull’omosessualità come scelta: l’ex Sex and The City Cynthia Nixon fa notizia in questi giorni in America, e non solo perché per recitare a Broadway deve tagliarsi i capelli tutti i giorni – ‘E’ liberatorio -ha detto in proposito – ma sfortunatamente siamo a gennaio e non ad agosto!‘ – ma anche per aver detto che la sua omosessualità è solo una scelta, causando lo sconcerto, se non l’ira, delle associazioni omosessuali.

    Cynthia Nixon continua a fare notizia anche al di fuori di Sex and The City, l’attrice ha debuttato pochi giorni fa a teatro con la piece Wit tratta dal libro di Margaret Edson, premio Pulizer nel 1999, che vede protagonista Vivian Bearing, una professoressa universitaria specializzata in poesia metafisica di John Donne, alla quale è stato diagnosticato un cancro alle ovaie al quarto stadio (praticamente incurabile). Grazie alla sua malattia (curiosamente come in The Big C, di cui la Nixon è stata guest star ricorrente), la protagonista scoprirà come il sapere in fondo non serva a niente, e vivrà la vita giorno per giorno, senza preoccuparsi di obblighi sociali e convenienze.

    Come la regista Lynne Meadow, anche la Nixon ha sconfitto un tumore, qualche anno fa all’attrice fu infatti diagnosticato un cancro al seno, fortunatamente preso prima che potesse diventare letale o che necessitasse di terapie intensive: da allora l’attrice è scesa in campo per sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione, diventando anche ambasciatrice per l’organizzazione ‘Susan G. Komen for the Cure’, la più grande organizzazione mondiale ad occuparsi di tumore al seno.

    Per una cosa ‘buona’, c’è anche una notizia ‘negativa’, qualche ora fa la Nixon è finita nell’occhio del ciclone per una dichiarazione considerata pericolosa dalle associazioni gay: durante un discorso proprio di fronte ad una platea omosessuale, la Nixon (fidanzata da anni con la sua partner Christine Marinoni, con cui ha fatto anche un figlio, ma in precedenza sposata con un uomo da cui ha avuto due figli) ha infatti parlato della sua omosessualità come di ‘una scelta‘, cosa che fa temere alle associazioni per i diritti dei gay che molte persone insicure sulla loro sessualità possano finire in centri che promettono la conversione da gay ad etero.

    Ma la Nixon difende il suo pensiero, ‘mi hanno detto di cambiare la frase sono stata etero e sono gay, e gay è meglio, perché implica una scelta, ma per è così, è una scelta: capisco che per molti non è così, ma non possono definire per me cos’è la mia gayezza’, ha spiegato l’attrice, dettasi ‘molto seccata per tutti questi problemi. Non credo che essere gay sia meno legittimo se è una scelta, penso – ha spiegato al New York Times – che queste polemiche facciano solo il gioco dei bigotti‘.

    498

     
     
     
     
     
    ALTRE NOTIZIE