Current, torna Vanguard

Current, torna Vanguard

Ripartono le inchieste di Vanguard Italia, al via questa sera, 3 novembre 2010, su Current (130, Sky)

da in Current tv Italia, Informazione, Sky, vanguard
Ultimo aggiornamento:

    current vanguard 2010

    Nuova edizione per Vanguard Italia, ciclo di inchieste realizzate dai Vanguard Journalist di Current, che riparte questa sera alle 21.10 sul canale 130 di Sky. Temi caldi della società e dell’attualità italiana che spaziano dal suicidio assistito alle Moschee, senza dimenticare fenomeni di ‘costume’ e di affari, come il business dei neomelodici. Per la prima puntata un argomento senza dubbio spinoso, quello dei suicidi assistiti, con un reportage realizzato dalla giornalista Elena Sciotti e dal regista Edoardo Anselmi, vincitore del Premio Ilaria Alpi Giovani 2008 con l’inchiesta Il Recinto, Le pecore di Acerra.

    Passata l’ondata emotiva del caso di Eluana Englaro, sembra essere scomparso dall’agenda politica italiana il tema del fine-vita – modo alquanto ipocrita per parlare di eutanasia – che aveva acceso l’opinione pubblica ormai un paio di anni fa.
    Sebbene ogni anno in Italia siano circa 250.000 le persone malate terminali che chiedono di poter alleviare le proprie pene, la parola eutanasia, e una adeguata normativa, restano un tabù. Vanguard, quindi, va in Svizzera dove vige davvero il principio della autodeterminazione dell’essere umano: un cittadino affetto da una malattia incurabile può decidere di porre fine alla propria vita.

    Grazie alla Dignitas, la più grande associazione per il suicidio assistito che accetta anche stranieri, Elena Sciotti ha filmato le laboriose procedure di verifica dei requisiti per richiedere la ‘dolce morte’ e ha intervistato due persone giunte alla fase finale: un sessantenne del Sud Italia affetto da anni da una patologia incurabile e un inglese ottantenne che qualche anno fa in seguito ad un incidente è rimasto paralizzato.

    Current è entrato nelle stanze del suicidio assistito dove, assunto un mix letale di farmaci, attendono la morte attorniati dalle persone più care. E viene in mente subito il film Mare dentro. Ma al di là dei film, sarebbe ora che anche l’Italia guardasse davvero ai temi difficili con lo sguardo di un Paese maturo.

    353

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Current tv ItaliaInformazioneSkyvanguard