Crozza nel paese delle meraviglie, quinta puntata 31 ottobre 2014 – nuova stagione in diretta

Crozza nel paese delle meraviglie, quinta puntata 31 ottobre 2014 – nuova stagione in diretta

Crozza nel paese delle meraviglie, nuova stagione: quinta puntata venerdì 31 ottobre 2014 in onda su La7 alle 21,10

da in Crozza nel Paese delle Meraviglie, La 7, Maurizio Crozza, Palinsesto La7
Ultimo aggiornamento:

    E’ tutto pronto per la quinta puntata della nuova stagione di Crozza nel paese delle meraviglie, in onda in diretta su La7, questa sera venerdì 31 ottobre 2014 a partire dalle 21,10. Si rinnova dunque l’appuntamento con il comico genovese, che anche in questa terza stagione ci propone in versione satirica i temi caldi ed i personaggi che hanno catalizzato l’attenzione degli italiani. Le imitazioni di Crozza diventano così uno spunto per riflettere in modo ironico e divertente su quanto accade intorno a noi. Televisionando seguirà in diretta Live la puntata, per scoprire quali personaggi animeranno il paese delle meraviglie di Maurizio Crozza.

    Ore 21.10 Lilli Gruber chiude Otto e mezzo, al via l’appuntamento settimanale con Crozza, che ci porta nel suo Paese delle meraviglie: sigla per annunciare che sta per iniziare e pubblicità.

    Ore 21.15 Si parte con la visione degli eventi politici della settimana, ed eccolo il comico genovese sul palco nelle vesti di Renzi con la Leopolda show 2014: un dialogo con la voce spalla in cui Crozza/Renzi si loda e fa i complimenti a chi lo segue, senza tralasciare l’importanza dei tavoli, che hanno argomenti improbabili: reddito di cittadinanza e moto d’acqua è un esempio, si l’esempio della vera Leopolda, mentre giovani con storie assurde si susseguono sul palco.

    Ore 21.21 Altro tavolo di discussione? Disoccupazione e Topexan, per una pelle perfetta al lavoro. Ma il tavolo preferito del Premier è: i puffi son così: tradizione e cambiamento, a cui prende parte anche la Ministra Madia, la quale è alla ricerca del giornalismo giusto. E chi sa fare bene il lavoro di giornalista? Carlo Conti, ovvio no?! Stracchettino di Crozza, esilarante!

    Ore 21.25 Si parla di Religione e Crozza si sdoppia: si materializza Papa Francesco, che parlando con Renzi gli chiede perchè si è dovuto occupare lui dei problemi del lavoro: Renzi è perplesso e confessa che non ama il maglione rosso, le feste dell’Unità e tutti i simboli della sinistra. Il Papa si chiede perchè non lascia il partito: semplice, è perfetto per lui. Il Papa pensa di parlare con la pubblicità di Rexona, ma, nonostante l’impegno, le sue parole non convincono Renzi e parte un siparietto in cui quest’ultimo canta. il Papa fa gli auguri agli italiani! Crozza torna in sè.

    Ore 21.31 Il comico genovese inizia un monologo su Renzi, in rapporto ai fatti politici della settimana, al cui centro ci sono i feriti di Ast Terni e quanto Alfano ha riferito. Ma Crozza si domada dove è Renzi? Renzi, precisa, ha risposto su facebook con la doccia fredda per combattere la SLA, la scorsa estate: per poi togliere però i fondi raccolti. Crozza non si astiene sulle battute al riguardo. Adesso, sostiene il comico la sinistra odia la sinistra: è come se un uomo al capo del WWF proponesse di fare un tappeto con i panda (poveri)!

    Ore 21.38 E Crozza si fa in tre: sul palco con lui Landini e Camusso: argomento? Un test per vedere se si è di sinistra, oltre quello per l’ebola. E poi da lì divagazioni: dalla ceretta all’obesità, con battute divertenti, anche sul modo dei due di usare gli strumenti elettronici:. La Camusso ha scopeto un nuovo uso del tablet: un bel sottopentola (ma come mai non ci avevamo pensato prima?!).

    Ore 21.42 Parte un video musicale: i protagonisti sono Camusso e Landini. Il titolo della canzone è Essere di sinistra è uno stress, di cui il tema principale è il peso e l’obesità, con una bella parodia del videoclip del momento: molto bravo Crozza, davvero! Dopo i ringraziamenti a regia e coreografi, break pubblicitario.

    Ore 21.49 Il comico parla della data di oggi: è Halloween, ma quando era piccolo non si festeggiava.

    La parola zucca a casa sua faceva pensare solo al minestrone: il motto della madre era minestrone o schiaffone. Crozza non è d’accordo con gli anglosassoni: non hanno inventato loro i mostri, bensì gli italiani, che ne sfornano di continuo. Cosa fa paura? Lo stadio di Giarre per il polo per 22.000 persone: il polo in provincia di Catania e per tutti questi tifosi? Questo si che a Crozza fa veramente paura. E ancora altre costruzioni, grandi a dir poco, per la zona, tutte non concluse.

    Ore 21.56 Crozza con la sua arguta ironia ci racconta di opere non completate in tutto il territorio italiano, con spese assurde sostenute comunque da tutti gli italiani.

    Ore 22.00 Crozza adesso porta sul palco una delle imitazioni più riuscite: arriva Razzi, con musica di sottofondo, si perchè, dice il comico, dalle zucche vuote a Razzi è un passo. Inizia il dialogo con Zalone sugli stress test: l’onorevole non sa neanche di cosa si sta parlando. Allora si discute della Trattativa Stato-mafia: i togati diventano gli aristogatti, nella lingua di Razzi. Altro argomento, allora: il buddhismo, che inevitabilmente diventa “bullismo”.

    Ore 22.05 E allora cosa pensa di Halloween? Razzi parla di Woody Allen: tanto per cambiare storpia tutte le parole, in un susseguirsi di battute veloci che catalizzano l’attenzione del pubblico in sala e dei telespattatori a casa. puoi mancare mai la battuta cult del personaggio? Ma no, ovviamente, ed ecco che arriva: te lo dico d’amico, fatti li c… tua!

    Ore 22.08 Razzi/Crozza conclude con la canzone ormai tipica del momento dedicato all’onorevole, dopo aver ricevuto tanti applausi, che condivide con la spalla Andrea Zalone. Si va di nuovo in pubblicità.

    Ore 22.15 Crozza entra in scena mentre palleggia, per introdurre il tema del Pallone d’oro, che non prevede nessun italiano candidato: il calcio italiano ha solo battutte pessime. E chi meglio di er viperetta può rappresentare la situzione del calcio italiano?

    Ore 22.18 Entra Massimo Ferrero, il presidente della Sampdoria, il famoso personaggio di Crozza, Er viperetta, che si esprime in un dialogo con Zalone, il quale lo intervista o almeno prova a farlo. Anche la spalla non può reprimere tutte le risate che l’imitazione provoca. Quando chiede chiarimenti sulla frase razzista da lui pronunciata, er viperetta risponde, ma con parole in libertà. Finito il siparietto calcistico, si va in pubblicità.

    Ore 22.28 E’ l’atteso momento di Banderas nel suo Mulino: ha creato nuovi biscotti con nomi improbabili, come ogni settimana. La puntata termina qui, con ringraziamenti e l’invito alla prossima settimana!

    1157

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Crozza nel Paese delle MeraviglieLa 7Maurizio CrozzaPalinsesto La7 Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/06/2016 07:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI