Crozza nel paese delle meraviglie 2015: diretta live sesta puntata 10 aprile su La7

Crozza nel paese delle meraviglie 2015: diretta live sesta puntata 10 aprile su La7

Crozza nel paese delle meraviglie 2015: diretta live della sesta puntata in onda venerdì 10 aprile su La7

    Crozza nel paese delle meraviglie 2015: pronti a seguire la diretta live della sesta puntata in onda venerdì 10 aprile su La7? Il comico genovese ci attende con le sue ormai mitiche parodie: personaggi ‘vecchi’ e ‘nuovi’ si alterneranno sul palco per traghettarci nel week-end. Dopo una settimana di stop per le festività Pasquali, Maurizio Crozza torna: risate e divertimento si mescoleranno alla riflessione, proposta in chiave ironica, sui temi politico-sociali della settimana. L’insostituibile spalla Andrea Zalone accompagnerà il comico durante le sue esibizioni per renderle ancora più esilaranti. Televisionando vi attende per la diretta Live!

    Crozza nel Paese delle meraviglie torna anche questa sera: si rinnova dunque l’appuntamento con il comico genovese, che venerdì 10 aprile 2015, ci proporrà i suoi esilaranti personaggi. Dalle maratone tv di Mentana, ai personaggi politici del momento: non mancheranno le risate. Televisionando vi attende alle 21.10 per la diretta live!

    Ore 21.13 Parte la sesta puntata di Crozza nel Paese delle meraviglie, dopo una settimana di stop, la Silvano Belfiore Band ci annuncia con il suo stacchetto musicale che dopo la pubblicità si comincia!

    Ore 21.17 Parte lo show con le dichiarazioni di Salvini sui campi Rom: ed entra Crozza nei panni del leader della Lega su una ruspa (e l’ha scritta ‘ruspa’ campeggia anche sulla felpa), per demolire i campi Rom: in realtà con il mezzo ha solo distrutto le macchine parcheggiate fuori. Interviene la voce fuori campo Zalone e chiede il perché ha fatto queste dichiarazioni: Crozza/Salvini ammette che sta aiutando i Rom a trovare lavoro nel loro paese perché le ruspe sono costruite in Romania, mentre Renzi porta loro il rame rubato a Palazzo Chigi!

    Ore 21.22 Crozza torna in sé: applausi da parte del pubblico e poi parte il monologo sul perché la Lega ce l’ha sempre con qualcuno. Se il mondo di Salvini si realizzasse sarebbe composto da 30 bergamaschi tristi che si guardano in cagnesco. Anche il Papa si è adirato: ecco l’imitazione del Santo Padre, che si chiede, infine, cosa ci trova la Isoardi in quel ragazzo.

    Ore 21.25 Secondo Crozza, Salvini ne combina sempre una: il leader ha votato contro il reato di tortura. E così si passa a parlare di Orfini: Renzi non lo rimuove perché ha rispetto degli azionisti di Finmeccanica. Crozza così da un consiglio a tutti coloro che manifestano: la prossima volta dovrebbero tirare fuori i fogli che attestano che sono azionisti.

    Ore 21.28 E Renzi? Ha detto che ha dimezzato le grandi opere: e come faremo? In pratica come abbiamo sempre fatto: chi le mai viste le grandi opere ‘E’ come se mi dicessero Mauri ti dimezzo la Lamborghini, ma chi l’ha mai avuta la Lamborghini?‘. E già che c’era Renzi ha tagliato le risorse dell’edilizia scolastica: ‘Ma non era la priorità del governo? non doveva visitare una scuola ogni mese?‘. E se si pensa che Crozza si comporta male con Renzi, avete ragione: c’è una deontologia professionale, non si prendono in giro i colleghi comici.

    Ore 21.32 Ed ecco Renzi/Crozza che fa il suo ingresso: Renzi presenta l’ennesimo Def Show: In Italia c’è così tanto benessere che anche gli immigrati del Nord Europa vengono a chiedere l’elemosina da noi (ed ecco che compare la foto della Merkel). Secondo Crozza/Renzi il vero problema dell’Italia è al negatività: Volete le riforme? Dovete imparare a sognarle. E adesso si parla della Diaz: ‘Ma basta questa è una tortura’

    Ore 21.35 Il 2001 è l’anno di Odissea nello spazio: parte il collegamento con la Cristoforetti: Sammy non hai trovato il mio consenso visto che è alle stelle?. E vista la risposta, Crozza/Renzi avrebbe preferito mandare al Blasi. E poi la domanda è: Come vedi l’Italia? Risposte poco gradite che segnalano i problemi dell’Italia e quindi visto che col Def si fanno i tagli, si comincia col tagliare il collegamento.

    Ore 21.37 Ed ecco il Renzi Mattina: il caso di oggi è l’invecchiamento dell’ideologia, compresa la voglia di uguaglianza. Ma poi è arrivato l’antidoto: cioè il Presidente. In tv c’è un caso grave: una simpatizzante Landini. Per Crozza/Renzi è un caso grave, si copre pure la bocca per il contagio. Ma ecco che arriva la medicina, un concentrato di essenza renziana, che trasforma il caso: personaggio guarito con voglia di partecipare a feste cool!

    Ore 22.41 Oramai in Italia ci sono solo due gruppi secondo Crozza: chi sta con Renzi e chi non sta con Renzi. Tra coloro che vogliono diventare simpatizzanti Renzi ci sono Repetti e Bondi. Ma Bondi potrebbe anche uscire dalla politica ‘Se vuoi una poltrona l’hanno anche all’Ikea’. Confronto a chi ha intorno Berlusconi ne esce benissimo: non ha mai cambiato idea. E la novità adesso è che Berlusconi vuole diventare sindaco di Milano.

    Ore 21.45 Mancava da tanto: Crozza/Berlusconi entra in scena: Io amo Milano, ci siete mai stati? E’ quel paesino in provincia di Mediaset. Mi piace così tanto che intorno ce ne ho fatte altre due. Berlusconi/Crozza dopo aver snocciolato il suo percorso lavorativo, adesso vuole diventare sindaco: e parte la canzone con il programma per candidarsi, che comprende anche tubi in città per far ballare Ruby e il ritornello ‘Silvio è di Milan…‘. Si riprende dopo la pubblicità!

    Ore 21.53 Si riparte dal centro storico de L’Aquila: dopo 6 anni è stato costruito solo il 3%. Se si continua con queste tempistiche, quando termineranno l’umanità si sarà trasferita su Giove. Gli unici che hanno rispettato la tempistiche sono stati i tedeschi, che hanno costruito Onna: la Merkel ogni mese ha mandato un incaricato per controllare i lavori, mentre l’Italia non ha fatto nulla. Non costruiamo L’Aquila perché impegnati a ‘non costruire’ l’Expo, che secondo Pisapia non sarà finito ma fruibile.

    E Crozza chiede il supporto della violinista cinese per sapere cosa diranno i cinesi che arriveranno dall’Oriente e vedranno che non c’è tutto pronto.

    Ore 21.59 Se i lavori sono indietro, e in pratica visto che a ottobre chiude, appena finiscono di montare si dovrà smontare, con le pubblicità siamo avanti. Crozza modifica un po’ lo spot… visto che ancora è tutto da finire: Quando andare all’Expo: a ottobre per aiutarci a smontare.

    Ore 22.02 L’Italia ha battuto Smirne per l’Expo, perché si è impegnata a costruire tante opere, di cui adesso non c’è neanche l’ombra. Ma già i problemi ci sono stati con l’acquisto dei terreni, pagati 6 volte più del dovuto: la bomba non esplode perché adesso l’Italia è impegnata ad accogliere i turisti e a vendere biglietti. Ma neanche Mattarella andrà all’inaugurazione.

    Ore 22.05 L’Expo rischia di diventare una fiera, e a proposito di fiera ecco la parrucca di Branduardi. Crozza/Branduardi modifica la famosa canzone rivisitandola in chiave Expo ‘Alla fiera dell’Expo di sicuro qualcuno i vostri soldi sprecò…

    Ore 22.10 Da Branduardi a Mentana, che chiede la linea per una maratona dedicata alla sconcertante notizia del ministro Delrio, che si muove in bicicletta senza appoggiare le mani sul manubrio. Ma ecco che suona il citofono e interviene la colf, per rispondere. Mentana vorrebbe mostrare il ministro in bicicletta, ma c’è o la bicicletta o il ministro.

    Ore 22.13 E intanto torna la colf che vuole i soldi per pagare il garzone della spesa. Parte il collegamento con Sarchione, che ha uno scoop: c’è il nome del nuovo sottosegretario. Mentana gongola, ma il nome non si comprende perché passa un cane che disturba. ‘Passano cani e porci, qui a La7 i detti diventano realtà‘. Adesso il collegamento è con Cerata che urla sotto la finestra di Delrio: arriva solo una secchiata d’acqua. Mentana è disperato ‘si vede da casa che qualcosa mi si è rotto dentro?‘. Lo scoop non riesce: c’è un’intera fattoria con la giornalista e Mentana non capisce solo perché non va a Rai 1. Si riprende dopo al pubblicità!

    Ore 22.22 E si riprende da Razzi, che lanciato un tweet ‘Buona Pascuetta’ (e l’errore grammaticale è riportato fedelmente). Ormai Razzi fa di tutto per farsi notare, andando contro la Costituzione, che Crozza ci mostra. E mentre Crozza si trasforma ascoltiamo un po’ di quello vero, che risponde alle accuse di una compagna di partito, la Sardone, che ha ammesso di vergognarsi di lui.

    Ore 22.25 Dopo un periodo di assenza, torna Crozza/Razzi e inizia il dialogo con Zalone: si parla subito di politica, ma non è cambiato nulla durante le puntate in cui non c’è stato, il senatore non riesce a rispondere alle domande che vengono tutte fraintese. Sandro Bondi si e defilato. No, non credo. Defilato diventa depilato e via con gli aneddoti della sua vita privata.

    Ore 22.29 E adesso è il momento dello slogan del senatore ‘Fatti li c***** tua‘, e lo ha recitato con una poesia per poi chiedere una domanda di politica esterna, perché ha ricevuto una cartolina da San Marino. Ma quando Zalone fa una ‘vera’ domanda che riguarda Cuba e la guerra fredda, arriva la risposta strampalata perché come al solito Razzi/Crozza gioca sui doppi sensi ‘amico caro…‘ e parte la canzoncina del senatore.

    Ore 22.38 Parte Kazzenger della Buona notte: un programma fatto così male che neanche i cinesi si prendono la briga di copiarlo Matrimoni e menzogne. Perché sulla crisi del settimo anno, nessuno dice che dura poi per i successivi venticinque! Misteri dei modi di dire. Cercare un ago in un pagliaio: ma prendere un altro ago, no? Ce ne sono milioni, ti serve proprio quello? Pericoli della storia. Il revisionismo storico è davvero una minaccia? Ne parleremo con un simpatico pittore austriaco, Adolph Hitler. I grandi sondaggi di Kazzenger: l’opinione pubblica è facilmente manipolabile? Se rispondete sì, una cesta di salumi in omaggio! Città da scoprire: ma nel comune di Anzio sono tutti Anziani? Ma l’uranio impoverito è un metallo che ha fatto degli investimenti sbagliati? Le grandi domande: è vero che prima dell’invenzione della scrittura ti arrivavano solo messaggini vuoti? La puntata finisce qui: l’appuntamento è al prossimo venerdì!

    1839

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI