Crozza a diMartedì, la copertina del 18 novembre 2014: la koalizione di Renzi

Crozza a diMartedì, la copertina del 18 novembre 2014: la koalizione di Renzi

Maurizio Crozza a diMartedì del 18 novembre 2014 dedica la copertina a Renzi, Landini, Marino e l'alluvione di Genova

    Ancora batute fulminanti e imitazioni irriverenti per Maurizio Crozza a diMartedì con la copertina del 18 novembre 2014. Non manca l’ormai cult Matteo Renzi reduce dalla trasferta australiana a cui si aggiunge il ‘saldatore’ Maurizio Landini e Susanna Camusso con una new entry. Il comico, infatti, esordisce nei panni del sindaco di Roma, Ignazio Marino, attualmente ben poco amato dai suoi cittadini e fischiato come pochi per tutti i suoi sbagli. Da genovese doc, inoltre, Crozza non può che far riferimento anche alla nuova alluvione che si è abbattuta sul capoluogo ligure così come la pioggia coppia mai vista sinora in quel di Milano.

    Guarda il video completo

    Maurizio Crozza inizia il suo intervento nei panni di Matteo Renzi con koala australiano annesso: ‘Io e koala siamo una grande coalizione! Che facce scure, nemmeno se fosse venuta un’alluvione. Quando ho visto che era nuvoloso ho lasciato Del Rio‘. Ed il premier cambia subito tono quando si accorge che in collegamento c’è Maurizio Landini: ‘Se Landini attacca tu ti arrampichi sugli alberi, io sugli specchi‘. E dopo questo breve intermezzo torna Crozza: ‘Non è nemmeni passato il maltempo che torna l’uragano Renzi… Mentre lui abbracciava un cucciolo un italiano abbracciava un albero, un palo‘. Come sagacemente ricordato dal comico, a Genova con la frana sul cimitero ognuno ha potuto vedere l’applicazione del detto sull’attesa del cadavere del proprio nemico. Lo slogan ‘Il futuro è solo l’inizio’ non ha portato bene al premier: ‘Forse era meglio ‘speriamo che il presente duri ancora 5 minuti’.

    In una Milano con l’acqua alta come Venezia, Landini è passato da ‘Stringete i cordoni a gonfiate i gommoni‘. Consultatosi anche con Susanna Camusso della Cgil, il sindacalista ha rimpianto anche il defunto Colonnello Bernacca mentre a Tor Sapienza Alemanno ha sfilato contro il centro per immigrati da lui voluto ai tempi della sindacatura: ‘Come se Friedman entrasse alla Rizzoli per distruggere i suoi libri, ammazziamo la carriera di Alan Friedman‘. Ma il vero Calimero del momento è il sindaco di Roma, Ignazio Marino che viene incolpato di tutto dai cittadini: ‘Ci sono romani che rimpiangono Rutelli, è come se a Pompei rimpiangessero la lava.

    Uno che parcheggia la Panda in divieto diventa indifendibile ‘. Ed arriva per la prima volta anche l’imitazione di Marino afflitto dai fischi: ‘Buonasera non posso stare tanto perché ho lasciato la Panda su un passaggio a livello, aaa panda rossa plurimultata, vendesi causa malocchio‘.

    469

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI