Crozza a Di Martedì: la copertina del 23 febbraio 2016 [VIDEO]

Crozza a Di Martedì: la copertina del 23 febbraio 2016 [VIDEO]

Il comico, nei panni del premier Matteo Renzi, spegne le candeline per i 2 anni di governo

da in La 7, Maurizio Crozza, Personaggi Tv, di martedì
Ultimo aggiornamento:

    Il 23 febbraio 2016 Di Martedì torna su La 7 e rispunta la copertina comica di Maurizio Crozza (il video integrale si può consultare proseguendo nella lettura). Crozza è in forma e commenta a modo suo i primi 2 anni del premier Matteo Renzi, anche perché a quanto pare ce ne saranno altri 2. Il comico affida i festeggiamenti ad una torta non molto grande, anche perché in fondo è sufficiente così, se nessuno ti ha votato. Spazio anche al commento sulla legge Cirinnà e alla notizia di Silvio Berlusconi intercettato.

    La copertina di Crozza a Di Martedì del 23 febbraio 2016 comincia con il comico nei panni del premier Matteo Renzi e l’intenzione di festeggiare i suoi due anni di governo. ‘La torta? Non la mangio. La diamo alla Cirinnà, che in questo periodo sta ingoiando di tutto’.

    Crozza Renzi spegne candeline per 2 anni governo

    Dall’imitazione di Crozza viene fuori un premier un po’ confuso, capace di festeggiare una vittoria ma senza particolari meriti. Infatti dice: ‘Due anni da quando ho vinto le…da quando sono stato scelto da…da quando ho battuto…Come passa il tempo quando non ti ha votato nessuno!’.

    Poi, dotato di slides, non ‘quelle farlocche’ ma ‘quelle vere’ (complice il lavoro non troppo ligio di un’ assistente maldestra), Crozza-Renzi fa il bilancio dei 2 anni del premier al governo:

    ‘In soli 2 anni – afferma – abbiamo ottenuto risultati strabilianti. Ho qui le slides: abbiamo aumentano il debito pubblico, diminuito la spesa per istruzione e sanità, aumentata la tassa sui mega yacht’. Tutto svelato (anche se non si potrebbe) per un piccolo errore ‘del fare’.

    Guarda il video completo

    Le slide di Crozza Renzi

    Ma, ‘il successo di cui vado più fiero’, così precisa Crozza-Renzi, ‘è un risultato che sulla carta sembrava impossibile. Non c’era riuscito nessun’altro governo: prendere ordini da Alfano. Sulle adozioni noi del PD abbiamo fatto il massimo: abbiamo adottato Alfano. Povero Angelino, nessuno lo voleva. E poi dicono che il PD non ha cuore. Certo che ce l’ha, è NCD!’.

    Di pochi giorni fa è anche la notizia che Renzi inaugurerà la Salerno-Reggio Calabria a breve.

    Quando c’è stato l’annuncio, la stampa straniera ha riso pensando ad una battuta. E come sempre non manca il commento di Crozza-Renzi: ‘Perché la Salerno-Agrigento? Avrebbe dovuto fermarsi a Reggio Calabria, ma Angelino ha insistito per arrivare fino a casa dei suoi!’.

    Durante la copertina del 23 febbraio 2016, il comico di Di Martedì affila gli aculei anche per commentare il destino capitato alla legge Cirinnà, sul tema delle adozioni e delle unioni civili.

    ‘Da come sta finendo sulle unioni civili’, dice, ‘Alfano ne esce come un grande statista. Lo abbiamo sottovalutato tutti: sembrava lo scemo del villaggio, invece era scemo tutto il villaggio. Da giovedì’, aggiunge, ‘il governo metterà la fiducia sulla Cirinnà: in poche ore siamo passati dal voto di coscienza al voto di fiducia, perché non c’era nessuna fiducia su chi votava per coscienza’.

    Travaglio ascolta Crozza

    La legge si vota venerdì, ma ‘se la trattativa coi cattolici va avanti’, scherza Crozza, ‘a forza di mediare, in due settimane ci tolgono anche il voto alle donne, rimettono il delitto d’onore e ci bucano anche i preservativi’. Del resto, Papa Francesco sembra distante dalla politica.

    Si capisce bene nelle parole del comico, che impersona il Pontefice: ‘Io non me immischio de queste cose, per il grande rispetto che nutro verso l’organo che decide le leggi dello Stato: la CEI’.

    Comunque sia – ed è anche questa l’ironia di Crozza – i retroscena politici sulla legge Cirinnà potremmo scoprirli fra 5 anni, per via delle intercettazioni della NSA:

    ‘Oggi è uscito che intercettavano Berlusconi quando era premier. Sai quando parlava con Gasparri, Tarantini, nani, troie, cani, Brunetta? Registravano tutto. Ma tu pensa quella povera gente nella stanzetta al Pentagono con la cuffia ad ascoltare la più grande gigantesca mole di puttanate del pianeta…’

    Quindi il commento sulla notizia di Berlusconi vegano, da leggere evidentemente in chiave politica: ‘Che fosse alla frutta un po’ s’era capito, però oltre a Silvio alla frutta c’è un po’ tutto il centrodestra: sembra un mercato ortofrutticolo e Bertolaso è il cetriolone’. Bertolaso candidato sindaco a Roma? ‘Potremmo riassumere così: ha portato la stessa armonia e lo spirito di collaborazione che oggi c’è tra Spalletti e Totti’.

    874

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN La 7Maurizio CrozzaPersonaggi Tvdi martedì Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24/02/2016 10:58
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI