Crozza a Ballarò e Gabanelli Presidente: ‘Veniamo alle belle notizie, siete tutti licenziati’

Crozza a Ballarò e Gabanelli Presidente: ‘Veniamo alle belle notizie, siete tutti licenziati’

La copertina di Crozza a Ballarò del 16 aprile 2013 sull'eventualità di Milenaa Gabanelli presidente

    Maurizio Crozza copertina Ballaro

    Nuova copertina di Maurizio Crozza a Ballarò del 16 aprile 2013. La possibilità di avere come presidente della Repubblica Milena Gabanelli occupa buona parte dell’intervento del comico genovese intento ad immaginare la nuova aria che si respirerebbe al Quirinale. La giornalista di Report abituata a fare le pulci alle magagne dei parlamentari avrebbe effetti sulla politica interna così come quella internazionale, mettendo sulle spine con le sue indagini anche le istituzioni degli altri paesi europei. Uscita vittoriosa dalle Quirinarie del Movimento 5 stelle, la Gabanelli ha minimizzato mentre Beppe Grillo sembra sollecitare nientemeno che Pierluigi Bersani ad appoggiarla con tutto il Pd.

    Dopo l’anteprima di Ballarò con un intervista flash a Milena Gabanelli, arriva il momento di Maurizio Crozza. Ispirato dall’eventualità di una presidenza così diversa dal solito, il comico ha una proposta interessante per Giovanni Floris: ‘Giova, preparati. Gabanelli Presidente, tu non lo vuoi fare un corazziere?‘. Secondo Crozza la conduttrice di Report ha tutto il diritto di non sentirsi ‘sopravvalutata’, visto che tra i papabili presidenti della Repubblica si ritrova persino il nome di Giuliano Amato, una sorta di ‘miracolato’ a sentire il comico. Qualora la giornalista salisse al fatidico Colle potrebbero tremare tutti coloro i quali hanno sporto querela contro di lei per le inchieste di Report trasformando il Quirinale in Palazzo delle Querele. Impagabile immaginare le reazioni di Antonio Di Pietro, protagonista di una puntata calda del programma di RaiTre ed oggi fuori dal Parlamento, così come quella del sindaco di Roma Gianni Alemanno, che ha annunciato querela contro Report proprio pochi giorni fa in seguito ad un’inchiesta sul comune di Roma. Cambierebbe tutto anche tra i capi di stato esteri a partire da Angela Merkel, immaginata a controllare i conti della Germania in vista di un incontro con la presidente Gabanelli. Quest’ultima, per Crozza, avrebbe già pronto un discorso speciale per tutti gli onorevoli liberamente ispirato a quelli frequentemente fatti a Report: ‘Ma quanti siete? Ma sì, tanto paghiamo noi. Oggi mi sono arrivate quattro leggi da firmare: 80 fogli. Non si poteva scrivere avanti e retro? Tanto paga sempre Pantalone. Veniamo alle belle notizie: siete tutti licenziati‘.

    L’arrivo di Milena Gabanelli al Colle potrebbe diventare realtà anche grazie all’eventuale appoggio del Pd, cosa ventilata persino da Grillo, come ricordato da Crozza: ‘Bersani, ti ha anche chiamato Bersani.

    Non ha gridato. E quando ti ricapita?‘. Calatosi nei panni del leader del Pd, il comico ne immagina il punto di vista in merito: ‘La Gabanelli è una bella idea. Grillo ha le idee chiare. La fate facile voi. Io idee chiare non ne ho. Anzi io proprio non ho idee. Io ho le idee di D’Alema, ma non le ho capito. Non è che se sei grillino la colonscopia la fai in streaming‘. Il piccolo campionario di metafore alla Bersani non può mancare, ma la riflessione stavolta è sul Pd, i cui tempi di reazione si aggirano intorno ai 35 anni, e che ha una sua caratteristica preponderante: ‘Il nostro statuto non prevede che il Pd possa salvare il Paese‘.

    578