Crozza a Ballarò del 10/04/2012: i leghisti non sono disonesti, non si sono capiti [VIDEO]

Crozza a Ballarò del 10/04/2012: i leghisti non sono disonesti, non si sono capiti [VIDEO]

La copertina satirica di Maurizio Crozza a Ballarò del 10 aprile 2012 è dedicata allo scandalo della Lega e alla questione del finanziamento pubblico ai partiti

    Non poteva che esserci ancora lo scandalo che ha travolto la Lega, e che ha portato alle dimissioni di Umberto Bossi, nel mirino della pungente satira di Maurizio Crozza. Nella copertina satirica della puntata di ieri sera di Ballarò il comico genovese è riuscito a strappare molte risate con il suo monologo sull’inchiesta sui rimborsi elettorali delle Lega che hanno coinvolto Renzo Bossi e Rosy Mauro. ‘La vicepresidente del Senato non si dimette, glielo ha chiesto anche il triumvirato della Lega, ma lei niente. Deve essere un’usanza celtica: tenere il culo incollato al carroccio fino all’ultimo. No perché, stando ai giornali, la signora con i soldi dei rimborsi elettorali si sarebbe comprata la laurea e l’avrebbe comprata anche al fidanzato, un cantante sosia di Elvis Presley che ha fatto assumere anche al senato come consulente. Ma che consulenza può fare un cantante?’. Crozza non si è risparmiato in battute neanche sulla discussa questione del finanziamento pubblico ai partiti. ‘Nel 2008 la lega ha avuto rimborsi elettorali per 41 milioni di euro e ne aveva documentati tre. Ma che rimborso è? Nel 1993 non avevamo abolito il finanziamento pubblico ai partiti? I referendum noi che li facciamo a fare? E no, ma non si chiama più finanziamento, si chiama rimborso. Che stupido! Dal 1999 al 2008 i partiti si sono aumentati il rimborso elettorale del 1100%. Meno male che l’avevamo abolito!’. Una soluzione per il comico genovese ci sarebbe: Perché ora non facciamo che i 5 euro che diamo ai partiti quando andiamo a votare ce li danno loro a noi elettori? Noi gli ridiamo la matita e loro ci danno i 5 euro. È l’unico rimborso elettorale sensato. Ma poi,mi chiedo: perché i partiti hanno il tesoriere? Anzi perché i partiti hanno il tesoro?

    La prima parte della copertina satirica di Maurizio Crozza a Ballarò del 10 aprile 2012 è un susseguirsi di battute sulla presunta onestà degli esponenti della Lega Nord, che alla fine si è rivelata essere solo una favola.

    È tutto un equivoco non c’è disonestà, i leghisti non sono disonesti, semplicemente non si sono capiti. Tu lo sai com’è Bossi, a volte si mangia un po’ le parole. Erano tutti lì intorno a lui come un cerchio magico, con la Rosy Mauro. ‘Capo sono avanzati un sacco di soldi dai rimborsi elettorali. Cosa ne facciamo?’ Lui voleva dire comprate i titoli di Stato e loro hanno capito comprate i titoli di studio. ‘Rosy ci vai a comprare due o tre lauree? A ci vuole il diploma? Ragazzi volete un diploma? Fai quattro diplomi, un po’ di prosciutto, liscia, gassata e poi un po’ di lauree, fai un po’ tu’.

    E ancora: lui aveva detto ‘dobbiamo riformare il palazzo’ e hanno capito ‘dobbiamo ristrutturare il terrazzo’. È tutto un equivoco, Giova. Come facevano a esserci contatti con la ‘ndragheta? Ma dai è impossibile, si compravano i titoli di studio, le porsche, ristrutturavano terrazzi. Capisci che non c’è una logica? Non ha senso neanche come attività criminale. Ma te lo immagini un incontro tra un leghista e un mafioso? ‘Ma voi scusa, gente malavitosa del sud, dov’è che investite? ‘Noi investiamo in armi, prostituzione e droga.

    Voi? ‘Ma noi più che altro abbiamo un giro di diplomi’.

    Giovanni la sai qual è la verità? Crolla la favola. E la lega per 20 anni ci ha raccontato la favola della sua onestà contro Roma ladrona, e ora scoprire tutte ste robe sulla Lega, altro che favole, è come scoprire che Biancaneve ai sette nani non faceva solo i letti.

    Immancabili, poi, due battutine su Renzo Bossi: Pensa che l’autista del trota, al trota, gli faceva da bancomat. Ora già dire l’autista del trota è un assurdo,ma in più gli faceva da bancomat. Ma su, il trota davanti a un bancomat vero non ce la fa. E sono troppe domande: e il Pin, l’estratto conto, lo scontrino, 30 secondi, prima ritira la carta poi i soldi, non ce la fa, ci vorrebbe un diploma!

    Però, Giova, il trota ha dato l’esempio: prima l’hanno beccato poi si è dimesso. Ha dato l’esempio, brutto, però l’ha dato. E adesso c’è la giornata dell’orgoglio padano, pensa che tempismo, come se facessero la giornata dell’orgoglio vegetariano dopo che hanno beccato il loro leader da McDonald!

    738

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BallaròMaurizio Crozzasatira

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI