Crozza a Ballarò, copertina: ‘Renzi vs Grillo, scontro diretto tra un Buffon e un Pirlo’ [VIDEO]

La nuova copertina di Crozza a Ballarò parla di Renzi, Grillo ma anche di Expo

da , il

    Maurizio Crozza a Ballarò propone una copertina quantomeno variegata. Si parte dall’atteso confronto tra Matteo Renzi e Beppe Grillo a proposito della nuova legge elettorale passando per la difficile situazione interna del Pd fino ad arrivare alla nuova impietosa cartolina dell’Italia che l’Expo ha fornito.

    Come di consueto, l’esordio di Crozza è scoppiettante e prende le mosse dall’evento della settimana, i Mondiali di Calcio 2014: ‘Ehi, Giova! Ce lo guardiamo insieme il prossimo incontro? Il match all’ultimo sangue tra Renzi e Grillo: come uno scontro diretto tra un Buffon e un Pirlo‘. Dopo aver letteralmente cacciato i pentastellati che proponevano un accordo col Pd, adesso Grillo ci ha ripensato mettendo in atto una contraddizione non indifferente: ‘E’ come se venerdì Berlusconi al processo Ruby mettesse da parte Ghedini e dicesse ma quali cene eleganti, erano tutte nude‘. Fino a poche settimane fa per Grillo Renzi aveva vinto con i brogli mentre oggi appare legittimato dal voto delle Europpe: ‘Come dire che Scajola è legittimato dai rogiti. Grillo è una persona intelligente, solo gli stupidi non cambiano idea, lui la cambia durante la frase‘. E subito arriva la voce di Grillo che utilizza i suoi mantra al contrario: ‘Di Battista è morto, Di Maio è vecchio, ci vuole un Fabio Mussi, ci vuole un Bersani‘.

    Il tema caldo naturalmente è quello della nuova legge elettorale: ‘O si fa l’Italicum con Berlusconi o il Democratellum con Grillo, uno non pregiudicato Renzi non è riuscito a trovarlo‘. La proposta del Movimento 5 Stelle è eccezionale: ‘Potranno essere eletti i gattini, i tramonti e Coelho‘. A settembre Renzi farà la legge sulle Unioni civili gay ma Crozza non ci vede chiaro: ‘Fossi gay aspetterei a prenotare le bomboniere‘. Intanto, la sinistra è animata da un nuovo clamoroso conflitto, Renzi contro Mineo: ‘Il prossimo scontro sarà tra Cuperlo e Peppa Pig‘. L’ex giornalista Rai è sfortunato: ‘Se Mineo decide di aprie una rosticceria Renzi abolisce i polli‘. E il comico prova a calarsi nei panni di Orfini, neopresidente del Pd che è in studio come Giorgia Meloni: ‘Non ha la sensazione di stare in una gabbia di leoni ricoperto di Simmenthal. Faccia come la Meloni, si ritiri! La gente preferisce tenersela qui a Ballarò che fa tanta allegria‘. E dopo un rapido riferimento a Dell’Utri ‘superospite’ del carcere che ospitò Provenzano, si parla dell’Expo e della disavventura della delegazione giapponese giunta a vedere lo stato dei lavori: ‘Un’area desolata con cantieri fermi e arrestati tutti tranne uno che ha parcheggiato a ca**o, non esiste una cartolina più precisa del nostro paese‘.