Crozza a Ballarò cita Grillo: ‘Il paese sta andando a trolls’

Crozza a Ballarò cita Grillo: ‘Il paese sta andando a trolls’

Crozza a Ballarò nella puntata del 26 marzo 2013 ironizza su Bersani e su Grillo

    Crozza a Ballarò puntata 26 marzo 2013

    Puntuale come ogni martedì sera su RaiTre, Maurizio Crozza a Ballarò nella puntata del 26 marzo 2013 regala un’altra scoppiettante copertina satirica. Lo spunto è inevitabilmente offerto dalla formazione del governo e Crozza parte da Bersani letteralmente tenuto d’occhio dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Protagonista di consultazioni varie con personaggi e associazioni di ogni tipo, il segretario del Pd è per Crozza come il personaggio interpretato da Carlo Verdone nel film Un sacco bello: invano alla ricerca di amici per andare in Polonia. In questo caso, però, l’attività da intraprendere è decisamente più impegnativa.

    Assunte le fattezze di Bersani, Crozza lo mostra intento a chiamare chiunque al telefono con la proposta di entrate a far parte del governo. Contattando dall’elenco telefonico persino i vecchi compagni di scuola sfodera le notorie capacità di creare metafore – ‘Non è che sull’Isola di Pasqua se ci vai a Natale sei in bassa stagione‘ oppure ‘Non è che se sei nato con la camicia l’ostetrica ti mette la cravatta‘ – finché non lo interrompe proprio la chiamata di Napolitano, curioso di conoscere il da farsi.

    Una volta a conoscenza dei tempi decisionali strettissimi, il futuro presidente del Consiglio spiega il suo stato d’animo: ‘Ho la serenità di uno che sta fermo in macchina in galleria, in salita, con la gomma per terra, con la moglie che sta partorendo e che dice che il figlio non è mio‘.

    Ed in questa stasi irrompe prepotentemente la polemica di Beppe Grillo sui contestatori del blog definiti trolls pagati da qualcuno: ‘Hai preso in considerazione l’idea che qualcuno non la pensi come te gratis?‘. Secondo il comico l’improvviso sonno del grillino Vito Crimi a Palazzo Madama potrebbe avere una spiegazione: ‘Forse sono stati i trolls a sparagli i sonniferi con la cerbottana‘. Tocca poi alla riflessione sul ‘settennato sicuro’ di Marcello Dell’Utri con un pizzico di logica: ‘Se B.è amico di D. e D. è amico di M. si può applicare la proprietà transitiva?‘. Si chiude con un’incoraggiamento tutt’altro che consolante per noi italiani: ‘Coraggio Ciprioti, siamo con voi ma dateci un paio di settimane che siamo proprio come voi‘.

    424

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BallaròMaurizio Crozzasatira
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI