Crozza a Ballarò (29/10/2013): l’Italia è il Bel Palese, Berlusconi ci seppellirà tutti [VIDEO]

Crozza a Ballarò (29/10/2013): l’Italia è il Bel Palese, Berlusconi ci seppellirà tutti [VIDEO]

La copertina di Maurizio Crozza a Ballarò di martedì 29 ottobre 2013 si concentra sulla questione della decadenza di Berlusconi da senatore

    copertina maurizio crozza ballarò 29 ottobre 2013

    Divertente come sempre la copertina satirica di Maurizio Crozza a Ballarò del 29 ottobre 2013. Il monologo del comico genovese non ha risparmiato nessuno e come di consueto ha offerto il su ironico punto di vista sugli argomenti più caldi della settimana a partire dall’infinita discussione sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore fino al recente commento di Massimo D’Alema su Matteo Renzi.

    Maurizio Crozza ha aperto la sua copertina di Ballarò ironizzando sulla questione della decadenza dell’ex premier Silvio Berlusconi dalla carica di senatore della Repubblica e in particolare sulla ‘giunta che deve decidere su come decidere sulla decadenza di Berlusconi’ che paradossalmente ‘ha deciso di non decidere’ e all’interno della quale continuerà all’infinito l’incredibile discussione sulla modalità di voto da adottare, se palese o segreto.

    Il comico, però, fa notare che i senatori dovrebbero sempre votare secondo coscienza anche se a pensarci bene se avessero avuto una coscienza non saremmo mai arrivati a questo punto. E come dargli torto!
    Certo è, ha continuato Crozza, che se cominci a distinguere tra voto palese e voto segreto ‘non è che hai la coda di paglia, hai un fienile che ti esce dal culo’!

    La conclusione del comico è che l’Italia è il ‘Bel Palese’ dove c’è sempre qualcosa di palese e qualcosa di segreto: ‘Che si debbano pagare le tasse è palese, come usano i nostri soldi è un segreto. Che a Ustica sia stato un missile è palese, perché ce lo dicano 30 anni dopo è segreto. Che un senatore condannato debba dimettersi è palese, perché ora dobbiamo beccarci pure sua figlia è segreto’.

    Nel monologo di Crozza c’è stato spazio anche per un po’ di grammatica italiana: ‘Berlusconi è stato condannato definitivamente ad agosto e la legge Severino dice che deve decadere immediatamente. Definitivamente e immediatamente sono avverbi che non lasciano tanto margine. Quando a scuola mi dicevano di uscire dalla classe non è che lo facevo dopo sei mesi, potevo metterci al massimo tra i 5 e i 10 secondi…!

    Per Crozza è una storia infinita e sfiancante e Berlusconi ci seppellirà tutti, tanto che anche nel giorno del giudizio universale la decisione su Berlusconi ‘slitterà a dicembre’. A questo punto una domanda nasce spontanea: ma perché il Cavaliere non vuole rinunciare alla sua carica da senatore se dall’inizio della legislatura ha accumulato il 99,94% di assenze in Senato?
    Eh già, perché?

    Dopodiché Crozza è passato allo scandalo dello spionaggio americano: Siamo tutti spiati. Obama ha ascoltato 46 milioni di chiamate in Italia (la metà erano del Papa) e ora ci si è messo anche Putin che all’ultimo G20 pare abbia regalato ai suoi ospiti dei gadget con delle microspie.

    Quindi qualche battuta sul PD e sulle recenti dichiarazioni di Massimo D’Alema che ha paragonato Matteo Renzi a Virna Lisi. Il commento del comico genovese è davvero esilarante:
    Il Pd non ti tradisce mai, può andare tutto storto ma se senti Massimo D’Alema ti torna il buonumore. Ha detto che Renzi è come Virna Lisi, con quella bocca può dire tutto. Ma tu pensa come parla ai giovani D’Alema: ha citato un carosello del ’58! D’Alema è strano: è stato zitto per un anno ma sembra che dietro tutte le mosse del Pd ci sia lui. Poi parla e capisci che dietro non c’è proprio nessuno!‘.

    In chiusura non poteva mancare un riferimento alle elezioni che si sono tenute domenica in Trentino Alto Adige e dove il Movimento 5 Stelle ha perso 3 voti su 4. Ma la colpa non è di Grillo che si è scontrato ancora una volta con Napolitano e con cui sono volate parole grosse. ‘È stato detto ‘anziano, furbo e scaltro’. Ma io non ho seguito bene… chi lo ha detto a chi?‘.

    673

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BallaròMaurizio CrozzaRai 3

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI