Crozza a Ballarò (26/11/2013): ‘Berlusconi patrimonio Unesco dell’Immunità’ [VIDEO]

La copertina di Crozza a Ballarò (26/11/2013) è interamente incentrata sul voto alla decadenza di Berlusconi

da , il

    Crozza come Berlusconi

    Ancora satira politica legata alla stretta attualità nella copertina di Maurizio Crozza a Ballarò (26/11/2013). Nella notte del giudizio per Silvio Berlusconi con il voto sulla decadenza incombente, il comico genovese ne assume le fattezze per poi commentare a suo modo quanto sta accadendo in Italia.

    Come avvenuto più volte ed anche al Festival di Sanremo 2013, Crozza indossa panni e parrucca del Cavaliere per leggere stavolta le nuove prove che dimostrerebbero la sua innocenza dalle accuse di frode fiscale. Le carte americane sono un trionfo di Mister – togliendo questo appellativo i documenti si riducono a sole tre pagine – e finiscono con una tesi a supporto totale del Cavaliere: a ordire la frode sarebbero stati Mr Bean e Mr Magoo. Crozza-Berlusconi tuona contro chi voterà per la decadenza: ‘Dopo queste prove inconfutabili mi rivolgo ai miei avversari, chi voterà la decadenza si vergognerà davanti ai figli. Ho anche mandato una mail ai senatori 5 stelle, che se non convincono 10 amici a votare, magari fra vent’anni senti una punturina sul collo e non ti svegli più‘. Vladimir Putin è in Italia ma non vi saranno impegni prima di una capatina dall’amico di vecchia data. Nella serata con il presidente russo si evitano accuratamente slave e nordafricane, ma presto il menu tornerà fusion.

    Smessi i panni del Cavaliere, il comico ci tiene a fare chiarezza: ‘Chiaro…che merita l’ergastolo. Chiamiamo Mr. Poliziotto che lo consegna a Mr. Secondino che si porta via la Mr. Chiave!‘. E da qui in poi Crozza si scatena con metafore e similitudini rivolte prima a Berlusconi – ‘Patrimonio Unesco dell’Immunità‘ – e poi a Pierferdinando Casini in studio – uomo-sequoia che torna sempre rinvigorito proprio come la coda della lucertola – fino alla simpatica e pungente conclusione: Putin, intento a provare se Berlusconi entrava nella sua valigia, durante una cena ha sentito una carezza sulla caviglia, ma purtroppo stavolta si trattava solo di Dudù.