Crozza a Ballarò (11/6/2013): Cristo si è fermato a Eboli, Grillo a Pomezia [VIDEO]

Crozza a Ballarò (11/6/2013): Cristo si è fermato a Eboli, Grillo a Pomezia [VIDEO]

Nella copertina satirica di Ballarò dell'11 giugno 2013, Maurizio Crozza commenta gli esiti delle ultime elezioni amministrative

da in Ballarò, Maurizio Crozza, Rai 3
Ultimo aggiornamento:

    Crozza a Ballarò (11/6/2013): Cristo si è fermato a Eboli, Grillo a Pomezia

    La copertina di Maurizio Crozza che apre la puntata di Ballarò dell’11 giugno 2013 è un lungo commento alle elezioni amministrative. Dalla sorprendente vittoria del centrosinistra alle cocenti sconfitte di PdL e Lega, passando per l’altrettanto deludente performance del Movimento 5 Stelle.

    ‘Giova, me lo fai vedere Epifani? Ma quando lo vedi non ti viene voglia di fare quattro ore di sciopero?’

    Il neo segretario del PD è presente come ospite nel salotto di Ballarò e il comico genovese ne approfitta per punzecchiarlo. L’argomento è l’esito delle elezioni amministrative, tanto piacevole quanto raro.

    ‘Epifani, le avete capite le ragioni di questo trionfo? Cosa è successo?

    La seconda stoccata va a colpire il punto più debole della coalizione del centrosinistra, ossia il perenne disaccordo.

    ‘Basta che ora non litighiate anche sul successo. Perché voi del PD sareste capaci di litigare anche quando fate i cappotti, discutereste su chi ha comprato il cappotto.’

    A parte la vittoria del PD, il dato significativo che è emerso dall’ultima tornata elettorale è stato il forte astensionismo. Nella capitale ha votato addirittura la metà degli aventi diritto.

    ‘A Roma c’erano così poche schede da scrutinare che sono usciti prima i risultati definitivi degli exit poll.’

    E forse la scarsa affluenza alle urne ha in qualche modo favorito il centrosinistra. Forse è questa la ragione dell’inspiegabile e sorprendente successo, di cui nemmeno gli uomini del partito riescono a capacitarsi. E magari si è anche scoperta la strategia vincente per il futuro.

    ‘Meno persone vanno a votare, più vince il PD. Ecco cosa dovete fare, Epifani, dovete lavorare molto sull’astensione.’

    A Crozza dispiace un po’ per Gianni Alemanno, che ha perso la poltrona di primo cittadino. L’ex sindaco di Roma non può nemmeno tornare dai suoi familiari, dato che sono rimasti tutti in comune. Evidente la polemica sugli impieghi amministrativi ottenuti dai familiari del politico, così come sulla sua discutibile gestualità.

    ‘Una vita passata a fare il saluto romano e ora è Roma che saluta lui.’

    Le elezioni sono state un disastro per il centrodestra, che ha attribuito la causa della sconfitta alla mancanza del proprio leader. A quanto pare, nel PdL se non si presenta Berlusconi non si va da nessuna parte, il partito perde fascino.

    ‘Il PdL senza Silvio è come un porno senza scene di sesso.’

    E non è andata meglio nemmeno al Movimento 5 Stelle, che è riuscito a imporsi solo a Pomezia.

    ‘Cristo si è fermato a Eboli, Grillo a Pomezia.’

    Stesso dicasi per la Lega, che è riuscita a perdere tutte le sue roccaforti, inclusa Treviso. Ieri si è tenuto un incontro tra Bossi e Maroni, che Crozza mette in scena proponendo il suo irresistibile sketch dei Muppets, cavallo di battaglia dello spettacolo Crozza nel Paese delle Meraviglie.

    530

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BallaròMaurizio CrozzaRai 3