Crozza a Ballarò (01/10/2013): Alfano-Django, Berlusconi e Dudù come Limiti e Floradora

Crozza a Ballarò (01/10/2013): Alfano-Django, Berlusconi e Dudù come Limiti e Floradora

La copertina di Crozza a Ballarò del 01/10/2013 da dissidenti Pdl all'imitazione del presidente Napolitano

    Copertina di Crozza

    La copertina di Maurizio a Crozza a Ballarò del 01/10/2013 non poteva che prendere spunto dalla crisi di governo seguita alle dimissioni dei parlamentari del Pdl. Il comico genovese ne ha davvero per tutti come di consueto, ma particolare attenzione naturalmente è rivolta al Cavaliere, al centro di un’agitatissima querelle all’interno dell’apparentemente solido Centrodestra. Tra similitudini tanto ardite quanto esilaranti Crozza sintetizza una settimana politica davvero da dimenticare.

    Si comincia con l’immaginare l’alternativa all’attuale governo proposta dal presidente del Consiglio Enrico Letta: alla vista di una foto di Matteo Renzi un brivido corre lungo la schiena. Ma ad attirare l’attenzione di Crozza è la presenza in studio di Fabrizio Cicchitto, ormai famoso per essere un dissidente: “Cicchitto alza la mano per chiedere ‘Posso andare in bagno?‘”. Ma è soprattutto il segretario del Pdl Angelino Alfano a ricordare lo schiavo protagonista di uno dei film di maggior successo della scorsa stagione: ‘Alfano è come Django, Alfango, un film di Quentin Tarantini‘.

    Ma Crozza è egualitario nella satira ed include nel mucchio di ‘impresentabili’ davvero tutti dal Pdl al Pd spingendosi fino ad un esilarante sogno ad occhi aperti con parlamentari pronti a fare a gara a chi si dimette prima o, qualora si volesse fare il fenomeno, a trovarsi addirittura un lavoro. Gli effetti di questo clima politico instabile includono anche il nuovo partito fondato da Giovanardi e associabile a sensazioni tutt’altro che gradevoli: sabbia nelle vongole e nudismo come un campo di ortiche, gusto per citarne alcune.

    L’aumento dell’Iva e non solo ha reso reale un paradosso rilevato dal comico: ‘Le tasse che hanno come gadget i prodotti‘. E mentre tutto il mondo resta allibito dall’Italia, il rischio del metodo Boffo aleggia sui dissidenti rendendo possibili delle domande scomode: ‘La suocera di Lupi è buddhista?‘. Sullo sfondo resta l’inarrestabile Berlusconi con Dudù proprio come ‘Limiti e Floradora ma senza limiti’. Il Cavaliere quando dissente dal governo Letta per l’Iva secondo Crozza è ‘credibile come Barilla travestito da Raffaella Carrà al Gay Pride‘. Intanto, il comico nei panni del presidente Napolitano ne immagina il messaggio a difesa dalle accue di Berlusconi con sorpresa finale: darebbe l’incarico di governo a Dudù, ‘lu cane’.

    425

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BallaròMaurizio CrozzaRai 3

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI