Costa Concordia, ascolti record per il documentario di National Geographic Channel

Costa Concordia, ascolti record per il documentario di National Geographic Channel 'Concordia: Io c'ero'

da , il

    costa concordia io c'ero

    National Geographic Channel registra il record storico di ascolti grazie alla messa in onda di ‘Concordia: Io c’ero‘, il documentario trasmesso il 28 febbraio che con i suoi 209 mila spettatori su National Geographic Channel/+1 è il programma più visto nella storia dei documentari della piattaforma Sky. Grande successo di pubblico, quindi, per questa produzione italiana che sottolinea ancora una volta la capacità del canale di raccontare con tempestività ed efficacia i grandi eventi dell’attualità, riscontrato da un numero elevato di contatti pari a 351 mila spettatori. Certo, considerato il naufragio e le 16 vittime, viene da chiedersi se il comunicato stampa poteva evitare toni trionfalistici, un po’ come quando il TG1 finì nella bufera perché la conduttrice rese noto gli indici d’ascolto record ottenuti grazie agli speciali sul terremoto in Abruzzo che causò oltre 200 morti e migliaia di feriti.

    Concordia Io C’ero, una produzione internazionale realizzata da DocLab per National Geographic Channel è il racconto collettivo fatto da chi ha vissuto in primo piano il naufragio della Costa Concordia avvenuto ad inizio anno ed ha proposto filmati amatoriali inediti che sono stati realizzati proprio da chi era a bordo attraverso telefonini e videocamere, ripercorrendo le ore concitate del naufragio. National Geographic Channel ha anche dato la parola ai passeggeri, ai membri dell’equipaggio e ai soccorritori per ricostruire la tragedia, dalla partenza dal porto di Civitavecchia al naufragio fino alle operazioni di salvataggio.

    Il documentario, in onda lo scorso 28 febbraio, ha ottenuto 209 mila spettatori su National Geographic Channel/+1, risultando il programma più visto nella storia dei documentari della piattaforma Sky, per un numero di contatti pari a 351 mila spettatori. Da segnalare la share di National Geographic Channel sul pacchetto documentari di Sky, che è stata pari al 53%, con un pubblico principalmente maschile (58% contro il 42% donne), con un età media di 25/44 anni. Sul target maschile 25/34 anni la share tv è stata del 2%, quella sky 25,9% e quella factual dell’82,5%. Se si considera inoltre la fascia di messa in onda del documentario (21.30-22.15), National Geographic Channel risulta il canale leader del pacchetto documentari e il terzo canale più visto sulla piattaforma Sky (a precederlo Sky Cinema +24 e Sky Cinema 1). Da sottolineare, conclude la nota di Sky, anche il buon risultato della replica andata in onda in seconda serata, vista da 66 mila spettatori (National Geographic Channel/+1).