Comic Con 2008: Dollhouse

Comic Con 2008: Dollhouse

Comic Con di sole ‘chiacchiere’ per Dollhouse il cui pilot, come avevamo anticipato nei giorni scorsi, è in fase di ‘rimaneggiamento’ causa il suo essere abbastanza incomprensibile: il dibattito ha visto ospiti il creatore della serie, Joss Whedon, la protagonista Eliza Dushku e l’ex Battlestar Galactica Tahmoh Penniket, che nella serie sarà un agente dell’FBI che cerca l’organizzazione di Eliza/Echo

    dollhouse comic con

    (Foto: ScreenRant)

    Comic Con di sole ‘chiacchiere’ per Dollhouse il cui pilot, come avevamo anticipato nei giorni scorsi, è in fase di ‘rimaneggiamento’ causa il suo essere abbastanza incomprensibile: il dibattito ha visto ospiti il creatore della serie, Joss Whedon, la protagonista Eliza Dushku e l’ex Battlestar Galactica Tahmoh Penniket, che nella serie sarà un agente dell’FBI che cerca l’organizzazione di Eliza/Echo.

    Tutti i blogger americani, pur in mancanza di video, sono comunque concordi nel notare la grande alchimia tra i protagonisti della serie sci fi della Fox che, come abbiamo detto più volte, debuterrà a gennaio sulla rete americana.

    Per chi ancora non fosse a conoscenza della trama della serie, Dollhouse parla di un’organizzazione ‘segreta’ e illegale i cui “impiegati”, gli Attivi, sono delle persone con personalità ‘variabile’, a seconda delle esigenze dei clienti. Un giorno Echo comincia a ricordare, e si mette quindi alla ricerca del suo passato, ma dovrà difendersi dagli ‘attacchi’ del personaggio di Tahmoh Penikett, un agente dell’FBI che vuole scoprire di più sugli Attivi e sulla loro ‘agenzia’.

    La caccia per lui non sarà comunque facile, visto che ogni volta che si avvicina ad Echo, la protagonista cambierà personalità, con l’agente che dovrà ogni volta ricominciare daccapo. I fan di Whedon si sono però mostrati “poco” interessati alla trama, focalizzandosi più sul pilot mancante, con Whedon che ha rassicurato tutti: non si tratta di una bocciatura del progetto, ma semplicemente di rigirare l’episodio per renderlo più chiaro e mettere in luce alcuni aspetti tralasciati.

    Poiché prevenire è comunque meglio che curare, i fan hanno messo in atto una campagna “Salva Dollhouse”, con Whedon che, pur apprezzando l’impegno dei fan, non se ne è potuto dire propriamente “contento”. Il dinamismo degli aficionas della serie potrebbe infatti diventare controproducente, visto che la stragrande maggioranza del pubblico potrebbe pensare alla serie come ad un prodotto per pochi, quindi destinato al fallimento.

    Al momento, comunque, la Fox ha dato il via libera a 13 episodi, che partiranno a Gennaio: non è però escluso, come dicevamo, che ci possa essere una serie parallela via webisodes, anche se non si capisce se le puntate verranno messe online prima o contemporaneamente alla messa in onda della serie sulla Fox.

    541