Colorado dal vivo è molto più divertente che in televisione: cosa non funziona?

Colorado dal vivo è molto più divertente che in televisione: cosa non funziona?

Colorado dal vivo diverte molto di più rispetto al programma visto in tv: un problema su cui gli autori dovrebbero lavorare

da in Colorado, Italia 1, Programmi TV, Paolo-Ruffini
Ultimo aggiornamento:

    Assistere dal vivo a una puntata di Colorado (in onda il lunedì sera su Italia 1, da ieri si scontra con Made in Sud) è senza dubbio un esercizio fisico non indifferente: perché agli spettatori viene chiesto di presentarsi all’ingresso degli studi (si registra a Cologno Monzese) intorno alle 19, e la puntata (se tutto va bene) non finisce prima di mezzanotte. Una maratona quasi estenuante, sia per il pubblico che per i comici. Eppure, nonostante tutto, nonostante la fatica che verso la fine comincia a farsi sentire, gli spettatori escono dagli studi soddisfatti, divertiti.

    Colorado viene spesso criticato con una motivazione fin troppo semplicistica e poco argomentata: non fa ridere. Ebbene, chi dal vivo assiste alle registrazioni o alle prove non può che smentire tale critica. Anzi, sarebbe meglio dire questo: Colorado, visto dal vivo, fa ridere, e molto; poi, in televisione perde tantissimo. Per quale motivo? E’ su questo che dovrebbero lavorare gli autori: la resa televisiva del programma risulta molto inferiore rispetto a quanto si vede sul palco.

    Smentiamo, inoltre, alcuni luoghi comuni che si possono leggere su Internet a proposito del programma. Il pubblico non viene obbligato a ridere, anzi: si viene invitati a reagire in maniera completamente naturale.

    Se una battuta non fa ridere, verrà tagliata. Certo, poi il montaggio inserirà risate sguaiate all’interno dei pezzi, ma quelle risate sono vere e naturali.

    Dal vivo, i pezzi che riscuotono meno successo sono quelli visual, senza parole o quasi: le performance di Andrea Viganò, i balletti di Okea, il teatro con i piedi di Monsieur David. E’ probabile, però, che queste esibizioni vengano mantenute per attirare i telespettatori più piccoli (non presenti in studio).

    Insomma, vedere Colorado dal vivo libera da molti pregiudizi sulla trasmissione, e fa apprezzare le doti di intrattenitore di Paolo Ruffini, vero showman che sa farsi amare dal pubblico: scherza con gli spettatori, improvvisa, spara battute a raffica durante le pause. Peccato per le scenette con Lorella Boccia e Olga Kent, evidentemente forzate, perché la forza di Ruffini sta nell’andare a ruota libera.

    Ah, e ovviamente peccato anche per le continue “marchette” a dvd, magliette, prodotti di merchandising e film (Fuga di cervelli, diretto dallo stesso Ruffini e con protagonisti diversi comici di Colorado). Ma è questione di marketing.

    Certo, poi fuori dagli studi si ascoltano le voci preoccupate dei comici, che in un mercato sempre più saturo faticano a trovare spazio nelle esibizioni live. Ma questo è un altro discorso…

    470

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ColoradoItalia 1Programmi TVPaolo-Ruffini Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/06/2016 07:50
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI