Charlie Sheen offende Chuck Lorre, stop (per sempre?) a Two and a Half Men

Charlie Sheen offende Chuck Lorre, stop (per sempre?) a Two and a Half Men

Charlie Sheen offende Chuck Lorre via internet e per radio, CBS e Warner Bros stoppano la produzione di Two and a Half Men, che potrebbe addirittura essere cancellata

    charlie sheen chuck lorre

    La produzione di Two and a Half Men è stata stoppata da CBS e Warner Bros. a tempo indeterminata, magari lo show non sarà cancellato ma di sicuro l’ottava stagione – a meno di scuse di Charlie Sheen – è finita con l’ultimo episodio trasmesso qualche settimana fa. Colpa di un un’intervista radiofonica al “The Alex Jones Show” e al sito TMZ, in cui Sheen ha pesantemente attaccato il producer Chuck Lorre, definito “un clown, un uomo stupido, stupido e piccolo“, che lui (Sheen) “odia profondamente“. “Viste le dichiarazioni di Charlie Sheen – scrivono rete e studios – CBS e Warner Bros hanno deciso di sospendere la produzione di Two and A Half Men per il resto della stagione“.

    Passi bere, drogarsi e frequentare allegre signore, ma definire “un clown” il produttore non per una ma per ben due volte è un po’ troppo. E così, dopo lo show radiofonico e via TMZ di Charlies Sheen, in cui il producer è stato riempito di insulti (pezzo di m*rda e altre finezze, dovute al commento fatto da Lorre qualche giorno fa “Se Sheen mi sopravvive, sarò molto inca**ato“) CBS e Warner Bros TV hanno deciso di stoppare a tempo indefinito la produzione degli altri 4 episodi di Two and a Half Men che sarebbe dovuta cominciare a fine febbraio e che avrebbero dovuto concludere la quarta stagione.

    Secondo quanto riportato da diversi siti americani, l’attore non riceverà il salario previsto (1.2 milioni di dollari ad episodio, quindi cinque milioni) che potrebbe essere parzialmente usato per pagare le maestranze, nei giorni scorsi lamentatesi della situazione di stop senza salario.


    Sheen non sembra comunque disposto a fare marcia indietro, in una lettera inviata a TMZ commenta la decisione di sospendere la produzione spiegando che questa decisione dice tutto su “Haim Levine” [Chuck Lorre; l'insulto è vagamente razzista visto che il producer è ebreo, vero nome Charles Michael Levin] che lui (Sheen) ha ignorato per diverse volte nonostante “abbia rubato dei soldi a me, alla mia famiglia e alla mia seconda famiglia, la crew” e abbia ironizzato su di lui (l’autore nelle sue ‘cartoline’ che chiudono le puntate dei suoi show – oltre a Men anche The Big Bang Theory e Mike e Molly – ha punzecchiato Sheen più volte, salvo poi annunciare che smetterà finché la situazione non si calma un po’).

    Lorre viene quindi definito un “piccolo verme che non può gestire il mio potere e la verità. Ho sconfitto questo verme con le mie parole – scrive Sheen a TMZ – immaginatevi cosa avrei potuto fare con i miei pugni di fuoco, invito i miei bellissimi e leali fan che hanno seguito Two and a Half Men per oltre 10 anni a marciare con me per porre fine a questa ingiustizia”. Sheen ha pure invitato Lorre a fare a pugni con lui, “e se vincerà potrà lasciare il mio show“.

    Sul fronte palinsesto, nessun commento, ancora, su come CBS riempirà i quattro slot liberi, dopo aver ordinato due episodi aggiuntivi di Rules of Engagement e Mike e Molly per fronteggiare i quattro episodi mancanti (su otto) di TAAHM, potrebbe spostare il blocco comedy del giovedì (Theory e Rules of Engagement, finito al giovedì per far spazio a Mad Love) al lunedì, o mandare in onda le repliche di Men, che vanno comunque bene per essere delle puntate già trasmesse.

    720

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI