CdA Rai, niente ferie fino al 3 agosto

CdA Rai, niente ferie fino al 3 agosto

Luglio decisamente agitato per la Rai, ancora in attesa di dirimere la questione nomine e impelagata nella contestata operazione Tivù

    Paolo Garimberti

    Luglio decisamente agitato per la Rai, ancora in attesa di dirimere la questione nomine e impelagata nella contestata operazione Tivù con Mediaset contro Sky, con la quale sembra ormai naufragata la trattativa per il rinnovo del contratto. Annunciate due nuove riunioni del CdA per il 30 luglio e il 3 agosto.

    Dopo mesi di ‘temporeggiamento’ il CdA Rai sembra voler risolvere tutte le questioni ancora aperte prima della pausa estiva, solitamente prevista a fine luglio: ecco quindi il presidente della Rai, Paolo Garimberti, convocare due nuove riunioni del CdA per giovedì 30 luglio e per lunedì 3 agosto. All’ordine del giorno tutti punti di non poco rilievo: dalle nomine mancanti (sul fronte tv mancano ancora i nomi dei direttori del Tg3 e di RaiTre, tra gli altri), alla questione del rinnovo del contratto con Sky, senza contare le perplessità suscitate tra operatori e associazioni consumatori circa l’operazione TiVù, che si configura come una forma diretta di concorrenza da parte dei due poli tv (ex) analogici verso quello che ormai è stato definito il terzo polo del panomama commerciale italiano.

    Resta aperta anche un’altra vertenza, ovvero la mancata presentazione di un’offerta da parte della Rai per i diritti tv sui campionati di calcio 2010/11 e 2011/12 a fronte di due proposte già presentate da Mediaset per il digitale terrestre e da Sky per il satellte. “La richiesta della Lega è stata troppo alta rispetto ai valori di mercato” dice Garimberti: come sempre la questione si potrà risolvere in trattativa privata.

    321