Catherine Spaak: troppo chic per la TV italiana

Catherine Spaak: troppo chic per la TV italiana

Delusa e amareggiata Catherine Spaak punta il dito contro le tv italiana che la giudica troppo vecchia per il video e non si risparmia i commenti sui programmi volgari lontani dal suo carattere

    catherine-spaak.jpg

    Catherine Spaak si sfoga e polemizza con la tv italiana che pare non la voglia più perché troppo matura. Ma troppo matura rispetto a cosa? Al silicone troppo evidente della domenica pomeriggio Mediaset, o al botulino della seconda serata Rai?

    Al centro della discussione i programmi troppo urlati, decisamente non in linea con la sua innata classe, ma che oggi imperano in tv e che sono lontani anni luce da Harem, la trasmissione che per 14 anni è andata in onda su RaiTre, condotta con pungente arguzia proprio dalla Spaak, che all’epoca non lesinava critiche feroci alle sue ospiti. Una perla custodita nelle teche Rai, una bibbia per chiunque voglia davvero imparare a condurre un programma.

    Non si capisce dunque come la sua verve possa risultare appannata per i dirigenti televisivi dei grandi network: pare, infatti, che il rifiuto ai suoi progetti, presentati negli ultimi anni, sia trasversale dalla Rai a Sky. Che a penalizzarla sia stata forse la sua partecipazione all’edizione 2007 di Ballando con le Stelle? Eppure anche in quell’occasione la sua presenza scenica non era in discussione, anche se, magari, non ne uscì da provetta ballerina.

    Peccato che nelle alte sfere non ci sia mai qualcuno illuminato che sappia vedere oltre l’età anagrafica peraltro splendidamente portata da Catherine Spaak che sarebbe invece perfetta per programmi oggi condotti, senza un minimo di charme, da scollate dame come Monica Setta.

    Ma forse in tanta tv urlata e volgare la signora Spaak ne guadagna a star lontana dal video, visto che, proprio in questi giorni, esce nelle sale cinematografiche il film Alice, una piccola chicca, opera prima di Oreste Crisostomi che vede la Spaak nell’inedita veste di una fioraia.

    In attesa di ammirarla sul grande schermo speriamo vivamente in Rai Movie per poterla ammirare in una delle tante interpretazioni che hanno fatto sognare generazioni di ragazzi, da La Noia a La Bugiarda o I Dolci Inganni. Deliziose lezioni di leggerezza a cui le nostre attrici e più o meno sedicenti signore della tv attuale dovrebbero attingere a piene mani.

    398

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Personaggi TvProgrammi TVRaiRai 3

    Festival di Sanremo 2017

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI