Caso RaiSet, Fabrizio Del Noce chiede la distruzione delle intercettazioni telefoniche

Caso RaiSet, Fabrizio Del Noce chiede la distruzione delle intercettazioni telefoniche

Fabrizio Del Noce chiede la distruzione delle intercettazioni telefoniche che lo riguardano nell'ambito del caso raiSet, scoppiato lo scorso dicembre

da in Attualità, Fabrizio Del Noce, Mediaset, Primo Piano, Rai, indagini, Politica, Silvio Berlusconi
Ultimo aggiornamento:

    Fabrizio Del Noce e il caso RaiSet

    Non c’è solo il caso Saccà ad agitare i sonni dei dirigenti Rai. Nell’occhio della magistratura resiste, infatti, il caso RaiSet, scoppiato pochi giorni prima della bomba che ha fatto saltare la poltrona del direttore di RaiFiction. Agli inizi dello scorso dicembre, infatti, emersero delle intercettazioni telefoniche che delineavano un controllo indiretto della Rai da parte di Berlusconi per mezzo della sua ex segretaria, Debora Bergamini, promossa alla guida dell’Ufficio Marketing della tv di Stato durante il secondo mandato del Cavaliere. Ora Fabrizio Del Noce ha chiesto la distruzione delle intercettazioni.

    Per ricostriuire il caso nei suoi dettagli vi rimandiamo a due nostri articoli sull’argomento, risalenti all’inizio del caso e alla ricostruzioni delle telefonate fatte da Annozero.

    Interrogato lo scorso 16 aprile dal Gup Marina Zelante, che ha in carico l’inchiesta Hdc cui fa riferimento il caso RaiSet, Fabrizio Del Noce, direttore di RaiUno, ha chiesto la distruzione dei nastri appellandosi alla legge Boato in materia di intercettazioni telefoniche, che permette, in un caso senza rilevanza penale, di distruggere i materiali su richiesta di una delle parti. Il caso investe ovviamente anche lui, che avrebbe concordato con Debora Bergamini la trasmissione dei risultati delle elezioni regionali del 2005 e la gestione delle informazioni sull’agonia, e la morte, di Papa Giovanni Paolo II.

    Del Noce ha chiesto, quindi, la distruzione dei nastri che lo riguardano e ha denunciato i pm Lauria Pedio e Roberto Pellicano per presunti abusi. Qualora il Gup dovesse accettare la richiesta, l’indagine dovrà continuare solo con i brogliacci, ovvero con le trascrizioni dei nastri, con tutto ciò che ne potrà conseguire.

    412

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàFabrizio Del NoceMediasetPrimo PianoRaiindaginiPoliticaSilvio Berlusconi