Caso escort, pm: Tarantini contattò Manuela Arcuri, ma “rifiutò di prostituirsi”

Caso escort, pm: Tarantini contattò Manuela Arcuri, ma “rifiutò di prostituirsi”

Caso Tarantini, dalle carte dei pm di Napoli spunta il nome di Manuela Arcuri che rifiutò di prostituirsi con Silvio Berlusconi

da in Attualità, Primo Piano, Cronaca, Manuela-Arcuri, Silvio Berlusconi
Ultimo aggiornamento:

    manuela arcuri venezia


    Chiusa l’inchiesta della procura di Bari iniziano a spuntare i primi nomi nelle intercettazioni. Dall’inchiesta sono otto gli indagati fra cui Gianpaolo Tarantini e Sabina Began, l’ape regina ex sedicente donna del premier ed ex fiamma di Italo Bocchino. Questa mattina la Guardia di Finanza ha notificato agli otto indagati l’avviso di conclusione delle indagini preliminari. Fin qui la notizia, ma nel plico delle 100mila intercettazioni compaiono parecchi nomi di starlette televisive che sarebbero state offerte a Silvio Berlusconi da Tarantini. I pm hanno anche fatto il nome di Manuela Arcuri che però si rifiuto. Altre (come Carolina Marconi e Sara Tommasi) secondo gli atti non si sarebbero negate.

    Tra le donne citate da Tarantini figura dunque alla Manuelona. Il nome dell’attrice di Latina saltò fuori anche nello scandalo Vallettopoli e durante l’inchiesta relativa ai palinsesti Rai.

    Gianpaolo Tarantini, secondo gli atti, chiese all’attrice di Latina di prostituirsi con Berlusconi e in cambio avrebbe ottenuto la conduzione del Festival di Sanremo, ma lei si rifiutò. Il nome dell’Arcuri compare anche in un’altra circostanza. Secondo quanto riporta il “Corriere della Sera” Tarantini e Francesca Lana (un’altra degli otto indagati) avrebbero indotto “Manuela Arcuri a prostituirsi in favore di Silvio Berlusconi prospettandole la possibilità di un personale interessamento di quest’ultimo (sollecitato vieppiù dalla stessa Arcuri) per consentire la partecipazione del fratello ad una trasmissione televisiva, non riuscendo a portare a termine il loro proposito per ragioni indipendenti dalla loro volontà“. La Lana era un’amica dell’Arcuri e qualche tempo fa vennero pubblicate alcune foto delle due amiche osé.

    Sarebbero addirittura trenta le ragazze coinvolte nell’inchiesta, citate nelle 100mila intercettazioni. Oltre a Sabina Began, che qualche mese fa aveva ammesso di essere lei stessa il bunga bunga, e a Francesca Lana sono molte le starlette televisive e le ragazze coinvolte nell’inchiesta. Alcune di loro sono delle Olgettine o coinvolte nell’inchiesta Ruby, ecco il lungo elenco: Terry De Nicolò, una delle fortunate a provare il lettone di Putin (secondo quanto scritto dall’Espresso nell’agosto del 2010), e Carolina De Freitas, Barbara Montereale intervistata a suo tempo da Annozero raccontò di aver fatto sesso con il premier, Daniela Lungoci, Niang Kardiatau (detta Hawa), Karen Margaret Buchanan, Camille Cordeiro Charao, ex ballerina di Scorie, Chiara Guicciardi (imprenditrice della moda con un passato da soubrette), l’ex isolana e bocconiana Sara Tommasi, Fadoua Sebbar, Vanessa Di Meglio (che nelle indiscrezioni pubblicate nell’estate del 2009 venne definita da Tarantini come una ragazza che “all’occorrenza non disdegna di essere retribuita per prestazioni sessuali“), Sonia Carpentone (detta Monia), Roberta Nigro, l’ex gieffina Carolina Marconi, Maria Josefa De Brito Ramos, Grazia Capone, Luciana Francioli De Freitas (l’ex fidanzata del gieffino Simon Falsaperla), la modella slovacca Michaela Pribisova, Michelle Conceicao dos Santos (che a quanto pare ospitò Ruby), Cinzia Caci (detta Mariasole), le Olgettine Ioanna Visan e Barbara Guerra, Patrizia D’Addario, Lucia Rossini (apparsa in una foto scattata dalla Monreale a Palazzo Grazioli) e una certa Marica.

    Secondo la procura le 30 ragazze non sono le sole e come si legge dalle carte, Letizia Filippi avrebbe reclutato Maria Josefa De Brito Ramos insieme a Tarantini per prostituirsi e “a far partecipare altre ragazze all’incontro, impartendole disposizioni sul comportamento da tenere e l’abbigliamento da indossare“. Secondo le indagini di Bari anche Tarantini dava questi consigli alle ragazze, sosteneva le spese e “mettendo loro a disposizione il mezzo per raggiungere il luogo dell’incontro“. Non solo secondo le carte pare che le preferite erano donne giovani ed esili.

    734

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttualitàPrimo PianoCronacaManuela-ArcuriSilvio Berlusconi