Casalinghe Disperate e in cerca di un nuovo contratto (che Teri Hatcher ha già firmato?)

Teri Hatcher avrebbe firmato un nuovo contratto, Felicity Huffman, Marcia Cross ed Eva Longoria sarebbero invece in cerca di un aumento di stipendio: la notizia (con i dovuti condizionali del caso) è riportata dal sito Bloomberg

da , il

    le casalinghe disperate in cerca di aumento

    Teri Hatcher avrebbe firmato un nuovo contratto, Felicity Huffman, Marcia Cross ed Eva Longoria sarebbero invece in cerca di un aumento di stipendio: la notizia (con i dovuti condizionali del caso) è riportata da Bloomberg, secondo cui dietro al mancato annuncio delle Casalinghe Disperate tra gli show che torneranno anche l’anno prossimo ci sarebbero le richieste di un ritocco al rialzo nello stipendio fatte dalle tre attrici.

    Le quattro protagoniste delle Casalinghe Disperate vogliono un aumento di paga, non è dato sapere quanto prendono attualmente (secondo TV Guide dello scorso agosto, circa 400.000 dollari), anche se dopo sette anni da protagoniste di uno show che ancora riesce ad attrarre 13.1 milioni di telespettatori, 5.75 dei quali nella fascia 18-49 (numeri che fanno sì che uno spot di 30 secondi costi 210.000 dollari, secondo solo a Grey’s Anatomy) è anche lecito volere un segno di attenzione.

    E così se Teri Hatcher avrebbe firmato un nuovo contratto (ma non è chiaro se questo comprenda o meno anche la possibilità di lasciare le Disperate per una nuova comedy), le altre tre protagoniste ( Felicity Huffman, Marcia Cross ed Eva Longoria) sarebbero attualmente in trattative, che restano private e di cui non si parla visto che ufficialmente non esistono: a parte il portavoce dell’interprete di Lynette (“speriamo di raggiungere presto un accordo“), gli altri tre addetti stampa delle attrici non confermano o non rispondono alle domande della stampa americana.

    Paul Lee, nuovo presidente AC, si era detto certo che prima o poi le parti troveranno un accordo (ma non ha voluto dire se Hallelujah, il nuovo show di Cherry, sarà o meno ordinato per la prossima stagione); come fanno notare molti analisti, comunque, sarà meglio che ABC si tenga strette le Disperate, che Nielsen (l’auditel americano) piazza, seppur in calo, ai primissimi posti delle sue classifiche. Da non dimenticare poi che Wisteria Lane è uno dei marchi più noti di ABC, rete che – contrariamente a CBS – ultimamente fa un po’ fatica a trovare dei grandi successi.