Calcio tv, niente A sulla Rai, la B va a Sky e La7

Calcio tv, niente A sulla Rai, la B va a Sky e La7

gli ultimi sviluppi sulla trattativa per i diritti tv in chiaro del calcio

    Niente serie A in chiaro, serie B su Sky e La7

    Per 6 milioni e mezzo di euro sabato e domenica ci sarà il black out delle immagini in chiaro della prima giornata del campionato di calcio. Ieri Rai e Lega Calcio non hanno infatti trovato l’intesa per la vendita dei diritti tv della serie A. Per la serie B invece è stato siglato un accordo biennale con Sky e La7 relativo ai diritti criptati.

    “Sono convinto che con la Rai troveremo un accordo” diceva martedì scorso il presidente di Lega Antonio Matarrese al termine dell’assemblea straordinaria della Lega Calcio che aveva rifiutato le offerte delle tv per la vendita dei diritti in chiaro delle partite del campionato di serie A.
    E invece così non è stato. L’ennesimo incontro con i dirigenti di viale Mazzini è andato a vuoto e non ha quindi avuto l’esito sperato da milioni di appassionati di calcio.
    Nessuna immagine della prima giornata di campionato potrà essere trasmessa in chiaro durante la Domenica Sportiva (che andrà regolarmente in onda parlando di altri sport) o Controcampo.

    I tifosi dovranno così accontentarsi dei 4 minuti di partita che potranno montare nei loro servizi solo ed esclusivamente i telegiornali. Ma bisognerà aspettare l’edizione delle 20.30 per vedere i brevi frammenti dei match giocati al pomeriggio e l’edizione di mezzanotte per le partite serali.

    Ricordiamo inoltre che anche i diritti audio non sono stati venduti, perciò su Rai Radio Uno non ci sarà Tutto il calcio minuto per minuto, ma solo degli aggiornamenti ogni quarto d’ora.

    L’offerta della Rai è stata giudicata “irricevibile” da Matarrese che, dicendosi dispiaciuto, ha spiegato come l’accordo sia sfumato “per sei milioni-sei milioni e mezzo di euro, nonostante le nostre richieste fossero già state ampiamente scontate da parte nostra. Io ho abbassato l’asticella, la Rai invece non lo ha fatto”.
    Di tutt’altro avviso, naturalmente, il direttore generale della tv di stato Claudio Cappon che ha invece incolpato la Lega del “blackout in tv” sottolineando che la Rai ha “aumentato del 20% tutte le sue offerte, arrivando a un’offerta complessiva di 36,5 milioni di euro”.

    Possono sorridere invece i club di Serie B. La Lega ha infatti ceduto a Sky per il satellite e a Telecom Italia Media (La7) per il digitale terrestre i diritti criptati delle prossime due stagioni del campionato cadetto.
    Tutte le partite di serie B saranno trasmesse in pay per view su Sky Calcio (costo 6 euro a gara), mentre sul digitale La7 Cartapiù potrà mandare in onda gli anticipi, i posticipi e solo 4 partite del sabato (ma potrà trasmettere gli highlights delle altre gare su un quinto canale). L’intero campionato di serie B avrà un costo di 69 euro e potrà essere acquistato dal 10 settembre richiedendo la scheda La7 Cartapiù. Telecom Italia Media ha inoltre ottenuto di poter trasmettere le partite anche sulla sua Alice Home Tv.

    Ecco le partite del primo turno di B che sarà possibile seguire in tv:

    - Parma-Rimini, oggi alle ore 20.45 su SkySport1, visibile anche agli abbonati di SkyCalcio, e su La7 Cartapiù;
    - tutte le partite di domani alle 16 in pay-per-view su Sky e solo Empoli-Brescia, Mantova-Frosinone, Pisa-Grosseto e Salernitana-Sassuolo su La7 Cartapiù;
    - Bari-Triestina, lunedì ore 20.45 su SkySport1, visibile anche agli abbonati di SkyCalcio, e su La7 Cartapiù.

    851

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI